Molestie sessuali, Placido Domingo chiede scusa

Mondo

Il tenore si è detto dispiaciuto per "le sofferenze causate", perché sebbene non fosse sua intenzione arrecare danno, "nessuno dovrebbe mai sentirsi così"

"Mi assumo la piena responsabilità delle mie azioni" e chiedo scusa per "le sofferenze causate". Placido Domingo ha divulgato una nota, tramite l'agenzia di stampa spagnola Europa Press, in cui chiede perdono alle donne che lo hanno accusato di molestie sessuali. Il tenore spagnolo è finito nella bufera dopo le rivelazioni dell'agosto scorso, e a seguito delle accuse, raccolte dall'agenzia Associated Press, di nove donne che sostengono di essere state insidiate e molestate da parte del cantante lirico e direttore d'orchestra.

"Nessuno dovrebbe mai sentirsi così"

Domingo, in un primo momento, ha contestato le accuse mosse contro di lui, raccogliendo la solidarietà anche di diversi colleghi, tra cui Andrea Bocelli. Nella nota diffusa il 25 febbraio ha ribadito che "non era sua intenzione, ma che nessuno dovrebbe mai sentirsi così". Nello specifico il tenore ha spiegato di aver capito che le donne che lo hanno accusato avevano paura di esprimere come si sentivano "perché si preoccupavano di come ciò potesse influenzare la loro carriera".

L’addio alla Metropolitan Opera di New York e alle Olimpiadi

Dopo che le accuse sono diventate pubbliche, Domingo si è ritirato da tutte le future performance alla Metropolitan Opera di New York e ha annullato il concerto pre-olimpico di Tokyo 2020. A stretto giro il tenore, che negli anni Novanta ha contribuito insieme a José Carreras e a Luciano Pavarotti a far conoscere l’opera al grande pubblico, si è dimesso anche dalla direzione della Los Angeles Opera.

Mondo: I più letti

Arriva sempre primo

Ricevi le notizie più importanti di politica, mondo, cronaca, spettacolo, le analisi e gli aggiornamenti. Per accettare le notifiche devi dare il consenso.

Hai attivato le notifiche di sky tg24

Fai login per ottenere il meglio subito.

Accedi con il tuo Sky ID o registrati in pochi istanti.