Coronavirus, matrimonio di massa con mascherina in Corea del Sud . VIDEO

Mondo

Circa 30.000 persone provenienti da 64 paesi, tra cui 6.000 coppie, hanno partecipato alla cerimonia presso il Cheong Shim Peace World Center di Gapyeong, a nord-est di Seoul 

Nonostante i timori del coronavirus, decine di migliaia di coppie si sono sposate venerdì 7 febbraio al matrimonio di massa della Chiesa dell'Unificazione in Corea del Sud, una celebrazione che commemora congiuntamente il centenario della nascita del fondatore della chiesa. Circa 30.000 persone provenienti da 64 paesi, tra cui 6.000 coppie, hanno partecipato alla cerimonia presso il Cheong Shim Peace World Center di Gapyeong, a nord-est di Seoul.

Disinfettanti e fedi nuziali

Il personale della chiesa ha preparato un disinfettante per le mani, ha distribuito maschere chirurgiche e ha controllato le temperature delle coppie, ma solo poche coppie sono state viste indossare maschere durante la cerimonia nuziale. "Non ho indossato una maschera, perché voglio essere bella per mio marito", ha detto una sposa di 23 anni del Benin, Nguessan Myeonguet Walehet. Uno sposo sudcoreano di 35 anni Lee Kwon-seok, che ha portato la sua mascherina, ha dichiarato di essere felice di essere felice del matrimonio, ma anche preoccupato per la diffusione del coronavirus. (LO SPECIALE - TUTTI GLI AGGIORNAMENTI)

La chiesa dell'Unificazione

La Chiesa dell'Unificazione fu fondata nel 1954 da Sun Myung Moon. Dal 1961 fino alla sua morte nel 2012, ha supervisionato matrimoni di massa in cui migliaia di persone erano state abbinate a coniugi che a volte avevano appena incontrato e che, in alcuni casi, non parlavano nemmeno la stessa lingua.

Mondo: I più letti

Arriva sempre primo

Ricevi le notizie più importanti di politica, mondo, cronaca, spettacolo, le analisi e gli aggiornamenti. Per accettare le notifiche devi dare il consenso.

Hai attivato le notifiche di sky tg24

Fai login per ottenere il meglio subito.

Accedi con il tuo Sky ID o registrati in pochi istanti.