Kobe Bryant, il pilota dell’elicottero parla con la torre di controllo. AUDIO

Mondo

Da una comunicazione del traffico aereo emerge che il velivolo su cui si trovava l’ex star Nba, insieme alla figlia e ad altre 7 persone, tutte decedute, aveva avuto il permesso di viaggiare in condizioni meteorologiche peggiori di quelle considerate standard

Sembra rafforzarsi l’ipotesi che il maltempo abbia potuto contribuire all’incidente in elicottero che è costato la vita a Kobe Bryant (COSA SAPPIAMO FINORALE FOTO DELLA SUA CARRIERA - CHI ERA), sua figlia Gianna Maria e altre sette persone (FOTOSTORIA DELLA FIGLIA CHE SOGNAVA LA WNBA). Secondo quanto emerge da un audio tra il pilota e la torre di controllo - riportato dalla Cnn che cita il sito specializzato LiveATC.net - l’elicottero che trasportava l’ex campione dell’Nba aveva avuto il permesso di volare in base alle Special Visual Flight Rules (Vfr), ovvero con regole applicate a condizioni meteorologiche peggiori di quelle consentite dalle norme standard. (LE IMMAGINI - GLI ALTRI SPORTIVI MORTI IN INCIDENTI - IL CORTOMETRAGGIO CON CUI BRYANT HA VINTO L'OSCAR)

L’audio

Nell’audio, a un certo punto, il pilota sembra chiedere il “flight following”, ovvero un contatto regolare con i controllori, i quali poi gli dicono: "Al momento sei ancora a un livello troppo basso per il flight following". Una frase che potrebbe significare che l’elicottero era troppo basso per essere visto sul radar di controllo del traffico aereo. Alla fine dell’audio, si intuisce che il contatto tra i due si perde, con il controllore che chiama l’elicottero ma non ottiene risposta, anche se non è chiaro se la conversazione risalga a poco prima dello schianto o a un altro momento.

Le indagini

Tuttavia l’audio è un primo tassello di un’indagine che si prennuncia molto lunga: si dovranno esaminare i dati meteorologici, le informazioni radar, le comunicazioni del traffico aereo, i registri di manutenzione e la documentazione del pilota. Per stabilire l'esatta dinamica dei fatti verranno valutate tutte le circostanze, a partire dalla fitta nebbia, che aveva spinto il dipartimento di polizia di Los Angeles a lasciare a terra i propri elicotteri. Un portavoce del dipartimento, citato dalla Cnn, ha spiegato che le condizioni meteo non rispettavano gli standard minimi. (IL CORDOGLIO DEGLI SPORTIVI ITALIANI - L'OMAGGIO DEI FAN LAKERS - IL SALUTO DI LEBRON JAMES - E I MESSAGGI SULLE SCARPE DEI CAMPIONI NBA - IL MINUTO DI SILENZIO PRIMA DI HUSTON-DENVER.VIDEO)

Mondo: I più letti

Arriva sempre primo

Ricevi le notizie più importanti di politica, mondo, cronaca, spettacolo, le analisi e gli aggiornamenti. Per accettare le notifiche devi dare il consenso.

Hai attivato le notifiche di sky tg24