Esplora Sky TG24, Sky Sport, Sky Video

Virus Cina, 56 morti: isolati in 56 mln. Xi: "L'epidemia accelera". Casi in Europa

Gli infetti sono oltre 2.000, 13 città in quarantena. Nel giorno del Capodanno lunare, bandite feste e manifestazioni. Xi: "Possiamo vincere questa battaglia". Burioni: "Possibile la trasmissione anche senza i sintomi"

Leggi tutto
1 nuovo post

Continua la propagazione del coronavirus partito dalla città cinese di Wuhan. Il presidente Xi Jinping: "Si può vincere questa battaglia", ma ha ammesso che la situazione è "grave" e l'epidemia "accelera" (i sintomi - Burioni "trasmissione possibile anche senza sintomi" - L'incubazione e come si trasmette: FOTO - 4 domande e 4 risposte). Il numero delle vittime è salito a 41, i casi accertati sono 1.400 e il contagio sbarca in Europa con tre infettati in Francia (I CASI NEL MONDO). Tredici città sono state isolate, il cordone sanitario è stato esteso e riguarda 56 milioni di persone. Vietata la vendita di pacchetti turistici: ordinate misure a livello nazionale per identificare i casi sospetti su treni, aerei e autobus. A Wuhan sarà realizzato un altro ospedale da 1300 posti  Gli Usa evacuano gli americani dalla città focolaio del virus, Hong Kong proclama l'emergenza, e sono stati accertati quattro casi in Australia e in Malaysia, mentre in tutta l'Asia sono stati sospesi i festeggiamenti per il capodanno lunare.

- di Redazione Sky TG24

Il liveblog finisce qui. Per continuare ad avere gli aggiornamenti live, segui la diretta di Sky Tg24.
- di Cecilia.MUSSI

Wuhan, cittadini chiusi in casa con cibo per quattro giorni

 
 
- di Cecilia.MUSSI

Parma, negativo test su paziente ricoverata ieri dopo essere tornata da Wuhan

 
Negativo il test sul Coronavirus eseguito dall'Istituto Spallanzani di Roma sulla paziente ricoverata ieri, nel reparto di Malattie infettive
dell'Ospedale Maggiore di Parma. La donna italiana, residente nel parmense, aveva accusato sintomi di infezione alle vie respiratorie, dopo essere rientrata da Wuhan, in Cina. Dai primi esami effettuati nella serata di ieri nel laboratorio dell'Istituto di Igiene dell'Università di Parma era emersa la presenza del virus influenzale di tipo B, presenza confermata dai test eseguiti a Roma. La paziente, in buone condizioni di salute, sarà dimessa nei prossimi giorni. Lo rende noto l'Azienda Ospedaliero-Universitaria di
Parma.
- di Cecilia.MUSSI

Caso sospetto in Spagna, cittadino cinese ricoverato a Granada


Un uomo di nazionalità cinese è stato ricoverato all'ospedale universitario di San Cecilio de Granada, nel Sud della Spagna, con i sintomi di un possibile contagio da coronavirus. Il paziente, proveniente da Wuhan, si è presentato al centro medico con la febbre. Ed è stato subito adottato il protocollo per l'isolamento e per le analisi necessarie. Lo riporta El Pais.  
- di Cecilia.MUSSI

Gruppo Psa fa rimpatriare lavoratori e famiglie che abitano a Wuhan
 

Il Gruppo automobilistico Psa ha deciso di "rimpatriare" i suoi lavoratori e le loro famiglie che vivono nella regione di Wuhan, centro del focolaio del virus cinese. Lo ha reso noto il gruppo in un tweet. Psa - spiega - ha "attuato le misure appropriate in pieno coordinamento con le autorita' cinesi e il consolato generale francese".
- di Cecilia.MUSSI

A Milano inizia il Capodanno cinese con lo spettro del virus 

 
 
- di Cecilia.MUSSI

Giordania invierà aereo per evacuare i propri cittadini

 
La Giordania invierà un aereo a Wuhan, in Cina, per evacuare "il prima possibile" i cittadini giordani rimasti bloccati nell'area in quarantena. Lo riferisce l'agenzia stampa ufficiale, Petra, citata da Sky News. "Il governo ha ottenuto l'approvazione delle autorità cinesi per evacuare i cittadini residenti nella città cinese di Wuhan il prima presto possibile. Un aereo verra' inviato per evacuare i cittadini, poichè le agenzie governative competenti hanno avviato le procedure le procedure necessarie", ha spiegato una fonte governativa.
- di Cecilia.MUSSI

Macerata, negativo risultato test su caso sospetto

 
"Negativo il risultato dei test di laboratorio eseguiti dall'Istituto Superiore di Sanita' in relazione a uno dei due casi, a Macerata, di persone recentemente rientrate dalla Cina che negli scorsi giorni hanno manifestato sintomi respiratori". Lo comunica la Regione Marche a proposito degli esiti arrivati nel pomeriggio. "Sebbene in entrambi i casi le valutazioni effettuate avessero gia' permesso di escludere che si potesse parlare di casi sospetti di nuovo coronavirus, - spiega - una delle due situazioni e' stata comunque valutata meritevole di approfondimenti diagnostici" e la direzione medica di Presidio dell'Ospedale di Macerata e gli specialisti che hanno seguito il caso hanno provveduto all'invio di un campione clinico a Roma"; "in meno di 24 ore il Laboratorio di riferimento nazionale dell'Iss ha comunicato l'esito negativo degli esami effettuati.
- di Cecilia.MUSSI

A Parigi istituita una quadra di accoglienza medica all'aeroporto di Charles de Gaulle

 
"Una squadra di accoglienza medica" sara' istituita domani all'aeroporto di Roissy per prendere in carico le persone che presentano sintomi di infezione da coronavirus. Lo ha annunciato la direzione generale della sanita' (Dgs). A Parigi-Charles de Gaulle, "domani, verra' istituita un'e'quipe medica di accoglienza per rispondere alle domande, per prendere in carico qualsiasi persona preoccupata e in particolare per fornire assistenza medica a chi ha sintomi "di infezione da coronavirus", ha spiegato il direttore generale della sanita', Je'rome Salomon, durante un briefing con la stampa al Ministero della Salute.
 
- di Cecilia.MUSSI

Virus Cina, Brusaferro, Istituto superiore della Sanità: "Situazione sotto controllo"

 
 
- di Cecilia.MUSSI
- di Cecilia.MUSSI

Timori per il contagio fanno crollare vendite lusso in Cina


I timori per il contagio del coronavirus in Cina e nel mondo hanno pesato sui grandi colossi del lusso sui mercati internazionali. Un esempio su tutti e' quello di Lvmh, il gigante guidato da Bernard Arnault, con capitalizzazione di 210,4 miliardi di euro e marchi del calibro di Dior, Bulgari, Fendi, Tiffany e ovviamente Vuitton, che ha subito l'impatto della notizia da subito, a inizio gennaio, per passare a un deciso calo dal 20 del mese. Il titolo alla Borsa di Parigi ha toccato il minimo mensile il 6 gennaio (409,3 euro), poi si e' ripreso, arrivando al massimo di quest'anno il 17 gennaio a 439,05 euro. Nell'ultima settimana però. con il susseguirsi delle notizie sull'espandersi del virus, il prezzo ha perso oltre il 5% per chiudere il 24 gennaio a 416,3 euro. Meglio non e' andata ad altri grandi marchi come Kering a Parigi, Ferragamo a Milano e Capri Holding a New York, mentre hanno reagito in modo più composto Prada a Hong Kong e in Germania e Tiffany a New York.
- di Cecilia.MUSSI