Crisi Usa-Iran, rientra l'escalation. Teheran all'Onu: "Non vogliamo la guerra"

Mondo

Si allenta la tensione, con Trump che annuncia solo nuove sanzioni: nessuna reazione al lancio di missili iraniani su basi in Iraq. Ambasciatrice Usa a Onu: “Pronti a negoziati seri”. Oggi voto alla Camera americana per limitare i poteri di guerra del presidente

Sembra rientrare, almeno per il momento, l'escalation della crisi tra Usa e Iran, con il presidente Donald Trump che frena e non annuncia reazioni all'attacco missilistico di Teheran contro due basi americane in Iraq - in risposta all'uccisione del generale Qassem Soleimani (CHI ERA - I FUNERALI) - che ha provocato pochi danni e nessuna vittima. Non ha avuto nessuna conseguenza neanche il lancio di due razzi nella zona verde di Baghdad, dove si trova l'ambasciata Usa, provenienti probabilmente dalle postazioni dei gruppi filo-iraniani in Iraq.

Ambasciatrice Usa all'Onu: "Pronti a negoziati seri"

La frenata alle tensioni è arrivata anche all'Onu, con le dichiarazioni di intenti da entrambe le parti. Secondo quanto riporta la Bbc, l'ambasciatrice americana alle Nazioni Unite Kelly Craft ha scritto una lettera al Consiglio di sicurezza in cui dice che gli Stati Uniti sono "pronti a impegnarsi senza precondizioni in seri negoziati" con l'Iran. Un'apertura che arriva anche dall'omologo iraniano di Craft, Majid Takht-Ravanchi, che al segretario generale dell'organizzazione Antonio Guterres ha affermato che "l'Iran non ha intenzione di entrare in guerra con gli Stati Uniti". A riferirlo è l'agenzia di stampa iraniana Isna. Oggi intanto la Camera americana vota un progetto di legge per limitare i poteri di guerra del presidente Trump.

Trump frena e annuncia solo nuove sanzioni

Trump ha raffreddato gli animi ed escluso nuove reazioni, e per il momento ha annunciato solo nuove sanzioni contro gli interessi iraniani. Il presidente americano ribadisce comunque che "finché sarò presidente l'Iran non avrà mai l'arma nucleare" e che "tutte le opzioni restano sul tavolo". L'obiettivo degli Usa, ha aggiunto l'ambasciatore americano all'Onu Craft, è "prevenire ulteriori rischi per la pace e la sicurezza internazionali o l'escalation da parte del regime iraniano".

Trump: "Pronti alla pace ma serve nuovo accordo con l'Iran"

Le parole di Trump sembrano lasciare aperta la porta a un allentamento della tensione: "Siamo pronti alla pace", ha assicurato il presidente americano, sostenendo la necessità di "un nuovo accordo che faccia crescere e prosperare l'Iran". Da qui l'invito all'Europa, alla Russia e alla Cina di abbandonare definitivamente la storica intesa del 2015 sul programma nucleare iraniano, proprio come ha fatto da tempo l'amministrazione Trump. "Devono prendere atto che lo scenario è cambiato", ha detto il tycoon, che ha anche chiesto agli altri Paesi della Nato di essere più coinvolti nella regione mediorientale.

Mondo: I più letti

Arriva sempre primo

Ricevi le notizie più importanti di politica, mondo, cronaca, spettacolo, le analisi e gli aggiornamenti. Per accettare le notifiche devi dare il consenso.

Hai attivato le notifiche di sky tg24

Fai login per ottenere il meglio subito.

Accedi con il tuo Sky ID o registrati in pochi istanti.