Esplora Sky TG24, Sky Sport, Sky Video

Iran, missili contro basi Usa in Iraq. Trump minaccia nuove sanzioni

Decine di missili contro le basi militari di Ain Al Asad e di Erbil, che ospitano forze americane e di coalizione. Teheran: "Almeno 80 vittime". Per Washington non ci sono vittime. Illesi i militari italiani a Erbil. In Italia innalzato livello allerta carceri

Leggi tutto
1 nuovo post
- di Redazione Sky TG24
Il liveblog si conclude qui. Per tutti gli aggiornamenti seguite la diretta.
Per ricevere le ultime notizie via Messanger, iscrivetevi qui:
- di Chiara Piotto

Media riferiscono di almeno due esplosioni nella "green zone" a Baghdad

Alcuni razzi hanno colpito questa sera la capitale, riferiscono fonti della sicurezza irachena. Uno sarebbe caduto a poche decine di metri dall'ambasciata americana. Non risultano feriti.
- di Chiara Piotto

Trump: nessuna vittima, lavoriamo per pace

- di Chiara Piotto

Il punto sul contingente italiano in Iraq

Il Generale Portolano, capo del comando operativo vertice interforze, fa il punto sul contingente italiano in Iraq e rassicura: "Nessun militare italiano è stato coinvolto nell'attacco dell'altra notte".
- di Chiara Piotto

Telefonata Nato-Trump

Il segretario generale della Nato Jens Stoltenberg ha parlato con il presidente Trump e ha convenuto che gli alleati occidentali dovrebbero assumere un ruolo più importante in Medio Oriente. "Il presidente ha chiesto al segretario generale della Nato di essere più coinvolto", ha scritto la Nato in un comunicato dopo la chiamata tra Washington e Bruxelles. Trump e Stoltenberg, aggiunge la nota, "hanno convenuto che la Nato potrebbe contribuire maggiormente alla stabilità regionale e alla lotta contro il terrorismo internazionale". 
- di Chiara Piotto

Portavoce di Pompeo a Sky tg24: "In Iraq la lotta continua"

Gli Stati Uniti non se ne andranno dall'Iraq perché "la lotta continua". Con un secco "no" Morgan Ortagus, portavoce del segretario di Stato Mike Pompeo, ha risposto a una domanda di Sky TG24 sottolineando che "Il presidente Trump ha ereditato una situazione di caos nel Medioriente. Purtroppo c'era un genocidio in Siria, dove migliaia di persone musulmane sono state uccise, e apparentemente la responsabilità era proprio di Qasem Soleimani". In Medioriente "la Russia la faceva da padrone e c'era un califfato creato dall'Isis", ha sottolineato Ortagus, spiegando che "era importante distruggere quel califfato e quel possesso territoriale dell'Isis. Lo abbiamo fatto, ma la lotta continua".
- di Chiara Piotto

Gli impatti sui mercati della crisi in corso

- di Chiara Piotto

Michel, rapporto Ue-Usa forte ma difendiamo sicurezza

"Abbiamo un rapporto molto forte con gli Stati Uniti ed è importante preservarlo, ma allo stesso tempo e' importante difendere i nostri interessi di sicurezza e stabilita'". Cosi' il presidente del Consiglio europeo, Charles Michel, sulla crisi tra Usa e Iran durante un punto stampa con il premier slovacco Peter Pellegrini a Bratislava. L'accordo sul nucleare iraniano raggiunto con la mediazione dell'Ue nel 2015 "non e' perfetto ma offre un canale di comunicazione per evitare il rischio di escalation, dobbiamo continuare il dialogo con diversi partner", ha sottolineato Michel, auspicando che la riunione straordinaria dei ministri degli Esteri europei venerdi' a Bruxelles sia "l'occasione per ribadire il messaggio positivo dell'Ue per la distensione e il dialogo politico".
- di Redazione Sky TG24

Petrolio: prezzi crollano dopo Trump, Wti sotto 60 dlr 

Il prezzo del petrolio crolla dopo che Donald Trump ha escluso un'escalation nel conflitto con l'Iran. Teheran "sembra indietreggiare", ha detto Trump, promettendo nuove sanzioni economiche dopo l'attacco missilistico della scorsa notte contro una base americana in Iraq, escludendo pero' l'uso della forza, almeno per ora. A New York il Light crude arretra del 4,67% a 59,77 dollari dopo aver superato in precedenza i 65 dollari e il Brent cede oltre il 4% a 65,51 dollari. In precedenza aveva superato i 71 dollari al barile.
- di Redazione Sky TG24

Colle segue crisi con governo, attenzione a italiani

 
Il presidente Sergio Mattarella segue la crisi apertasi con l'uccisione del generale iraniano Soleimani da parte degli Stati Uniti in stretto contatto con il governo e in particolare si auspica che non ci siano ulteriori escalation militari nella regione. Il Quirinale - si è appreso -segue l'evolversi della crisi prestando grande attenzione alla sicurezza dei militari italiani stanziati in Iraq e nelle altre regioni dell'area. Sul fronte libico si auspica una sforzo dell'intera comunità internazionale.
 
- di Redazione Sky TG24

Agenzia europea Easa avverte, "stop sorvolo Iraq"   

 
"Alla luce dei recenti eventi in Medio Oriente, l'Easa ha contattato le autorità aeronautiche nazionali dell'Ue per raccomandare di evitare i voli commerciali nello spazio aereo iracheno, come misura precauzionale". Lo riferisce la stessa Agenzia europea per la sicurezza aerea precisando che "alcuni Stati membri e paesi hanno già diffuso informazioni in tal senso alle proprie compagnie aeree e diverse compagnie aeree hanno risposto al rischio adeguando le rotte".
 
- di Redazione Sky TG24

Wall Street: record storico dopo parole Trump

Dopo un'apertura in rialzo, Wall Street incrementa i guadagni dopo che il presidente Usa Trump ha fatto sapere di essere "pronto alla pace" con l'Iran, e di aver ravvisato segnali distensivi da parte di Teheran. Il Dow Jones avanza dello 0,75%, lo S&P sale dello 0,73% e il Nasdaq guadagna lo 0,74%. Per S&p 500 e Nasdaq si tratta di nuovi massimi storici.
- di Vittorio

Petrolio: quotazioni crollano, Wti -3,8%, Brent -3,2%

Il prezzo del petrolio scende a New York, dove le quotazioni Wti perdono il 3,8% a 60,28 dollari al barile. Il calo è legato all'allentamento delle tensioni fra Stati Uniti e Iran e alle parole di Donald Trump, secondo il quale gli Stati Uniti non hanno bisogno del petrolio del Medio Oriente. E anche a un amento delle scorte settimanali di greggio, negli USA, superiore alle attese degli analisti.
 
 
- di Vittorio

Piazza Affari sale nonostante tensione USA-Iran: +0,46%

Piazza Affari non soffre la tensione in Medio Oriente e chiude in rialzo, grazie anche alla spinta di un dato sull'occupazione statunitense sopra le attese. L'indice Ftse Mib, che aveva iniziato la giornata in deciso ribasso, segna +0,46% a 23.832 punti
- di Vittorio

Trump all'Iran, noi pronti ad abbracciare la pace 

"Gli Usa sono pronti ad abbracciare la pace" con l'Iran. Lo ha detto il presidente Usa Donald Trump rivolgendosi "al popolo e ai leader iraniani" a conclusione del suo intervento dalla Casa Bianca.
 
 
- di Vittorio

Trump: "Serve accordo che faccia prosperare l'Iran"

"Dobbiamo raggiungere un accordo che permetta all'Iran di crescere e prosperare": lo ha detto il presidente americano Donald Trump alla Casa Bianca.
- di Vittorio

Trump: "Tutte le opzioni sono sul tavolo"

"Tutte le opzioni restano sul tavolo per contrastare la minaccia dell'Iran": lo ha detto Donald Trump alla Casa Bianca. "L'Iran - ha aggiunto - deve abbandonare le sue ambizioni nucleari e finire di sostenere il terrorismo". (GUARDA LA DIRETTA)
- di Vittorio