Esplora Sky TG24, Sky Sport, Sky Video

Baghdad, razzi su zona verde e base aerea Usa. Pentagono invia altri 2.800 soldati

Nella capitale irachena in migliaia al corteo funebre del generale iraniano Soleimani gridando "morte all'America". Rohani: "Vendetta ora e negli anni a venire". Conte si dice preoccupato e invita alla responsabilità. Massima attenzione per gli italiani in Medio Oriente

Leggi tutto
1 nuovo post
  • E' stato il giorno della collera in Iraq: in migliaia hanno dato l'ultimo saluto al generale iraniano Qassem Soleimani  (LE FOTO) e al comandante iracheno Abu Mahdi Al Mouhandis, uccisi giovedì notte - insieme ad altre otto persone - in un raid americano vicino all'aeroporto di Baghdad (LE FOTO - LE REAZIONI). "Morte all'America" è stato l'inno che ha guidato la cerimonia funebre, in cui hanno sfilato i più alti vertici delle milizie e con loro il premier, Adil Abdul-Mahdi, che ha proclamato tre giorni di lutto. 
 
  • I primi lampi di guerra hanno squarciato il cielo iracheno già in serata. Almeno due colpi di mortaio nei pressi dell'ambasciata americana a Baghdad. Poco distante, un razzo ha fatto almeno sei feriti: tre civili e tre militari. Almeno tre colpi di mortaio hanno puntato la base aerea di Balad, a nord della capitale, che ospita i soldati americani.
 
- di Redazione Sky TG24
Il liveblog si chiude qui. Per tutti gli aggiornamenti segui la diretta di SKy Tg24
- di giuliana.devivo

Le reazioni (e le preoccupazioni) della politica italiana 

 
 
- di giuliana.devivo
 
- di giuliana.devivo

La cronaca dal campo del giornalista del Corriere Lorenzo Cremonesi 

 
 
- di giuliana.devivo

Due navi della marina britannica nello stretto di Hormuz 

 
Due navi della Marina britannica accompagneranno le navi battenti bandiera del Regno Unito nello Stretto di Hormuz. Lo ha reso noto il ministero della Difesa di Londra 
- di giuliana.devivo

Colloquio Alto rappresentante Ue - ministro degli Esteri iraniano 

 
"Ho parlato con il ministro degli Esteri iraniano Javad Zarif e ho sottolineato la necessità di ridurre le tensioni, esercitare la moderazione ed evitare un'ulteriore escalation": lo scrive su Twitter l'Alto rappresentante dell'Ue Josep Borrell, secondo il quale nel colloquio si è anche discusso "dell'importanza di preservare l'accordo sul nucleare, che rimane cruciale per la sicurezza globale. Sono impegnato nel ruolo di coordinatore".  
- di giuliana.devivo

 Fazione filo-Iran: iracheni si allontanino da basi Usa 

 
Kataeb Hezbollah, fazione filo-iraniana della rete militare irachena Hashed al-Shaabi, ha esortato le truppe irachene ad allontanarsi dalle forze statunitensi nelle basi militari. "Chiediamo alle forze di sicurezza nel paese di allontanarsi di almeno 1.000 metri dalle basi statunitensi a partire da domenica alle 17 (le 19 ora italiana)", ha detto il gruppo. La dichiarazione arriva dopo che colpi di mortaio e missili sono caduti vicino all'ambasciata americana e una base dove sono di stanza truppe statunitensi.
 
- di Redazione Sky TG24

A Baghdad feriti civili e soldati iracheni

 
Fonti dei canali di Al-Arabiya e Al-Hadath riferiscono che una prima esplosione a Baghdad è avvenuta nella piazza della Celebrazione nel mezzo della Green Zone a Baghdad, mentre una seconda si  è verificata vicino all'hotel Babylon sul lato opposto dell'ambasciata americana. Un terzo missile è caduto fuori dalla Green Zone, ferendo 3 civili. Tre i razzi sulla base aerea di Balad, che ospita le forze americane a nord della capitale. Secondo il comando della base sono rimasti feriti 3 soldati iracheni. 
- di Redazione Sky TG24

Anche a Gaza, cerimonie in memoria del generale Soleimani

 
 
- di Redazione Sky TG24

Proteste davanti a Casa Bianca e in 70 città Usa

 
 Proteste in oltre 70 città americane dopo il raid Usa in cui è rimasto ucciso il generale iraniano Qassem Soleimani. Centinaia di persone si sono radunate davanti alla Casa Bianca, dove ha preso la parola anche l'attrice-attivista Jane Fonda, e a New York davanti alla Trump Tower e a Times Square. Gran parte delle iniziative, da Chicago a Los Angeles, sono sponsorizzate da Answer Coalition, la popolare organizzazione pacifista nata dopo gli attentati dell'11 settembre 2001. "Via dall'Iraq e dal Medio Oriente" e "Basta bombardare l'Iraq", si legge sulla gran parte dei cartelli, oltre a "Niente guerra e sanzioni sull'Iran".
 
- di Redazione Sky TG24

Pompeo: ho sentito il principe del Barhain e concordiamo nel voler arrestare la minaccia maligna dell'Iran

 
- di Redazione Sky TG24

 Il gelo degli europei, Trump deluso dagli alleati

 
Qualcosa sembra essersi rotto nei rapporti tra Stati Uniti e Europa, lo dimostrala reazione dopo la clamorosa uccisione del generale Qassem Soleimani. La mossa inattesa del presidente americano ha spiazzato tutti è stata accolta con grande freddezza nelle capitali del Vecchio Continente. Nel fittissimo giro di telefonate delle ultime ore se ne è accorto il segretario di stato Usa Mike Pompeo, non nascondendo la sua irritazione e quella della Casa Bianca. "Francamente sono rimasto deluso dagli alleati europei", ha confessato in un'intervista a Fox News, "non sono stati così d'aiuto come avremmo desiderato".
 
Nucleare
 
L'Europa risponde indirettamente lanciando l'ennesimo appello a Teheran. "Continuate a rispettare i termini dell'accordo sul programma nucleare", l'invito arrivato da Parigi e Berlino. Quell'accordo stracciato dal presidente americano e in cui invece l'Europa, come la Cina e la Russia, ancora credono. Ma molti osservatori sono convinti che l'uccisione di Soleimani come conseguenza, prima ancora di una rappresaglia sul campo o nel cyberspazio, porterà alla morte proprio della storica intesa del 2015.
- di Redazione Sky TG24

Chi era Qassem Soleimani, il generale iraniano più potente del Medio Oriente

 

 

 
 
- di Redazione Sky TG24

Il corteo funebre per il generale Soleimani

 
 
- di Redazione Sky TG24

Morte Soleimani, tre giorni di lutto

 
Il premier iracheno, Adel Abdul Mahdi, ha decretato tre giorni di lutto per l'uccisione, in un raid americano, dei comandanti militare iraniani, Qassem Soleimani e Abu Mahdi al Mohandis. Il Paese sarà in lutto anche per l'uccisione di 25 persone in raid, compiuta dagli Usa
in Iraq, nei giorni scorsi. 
 
- di Redazione Sky TG24

Attacchi nella Green Zone, colpite ambasciata Usa e base aerea irachena 

 
Sono due attacchi separati quelli che hanno colpito quasi simultaneamente l'ultra sicura Green Zone di Baghdad e la base aerea irachena di Balad. Lo hanno detto funzionari della sicurezza. Due colpi di mortaio sono caduti nella zona verde di Baghdad, sede dell'ambasciata degli Stati Uniti. Allo stesso tempo, meno di cento chilometri più a nord, due missili Katyusha hanno colpito l'enorme base irachena
di Balad, che ospita soldati e aerei americani
- di giuliana.devivo

Colpita base con soldati americani

 
Le sirene hanno immediatamente suonato nella base aerea Al-Balad di Baghdad, che ospita sia diplomatici sia truppe americane, secondo fonti dell'AFP. La base è stata colpita da missili Katyusha, hanno riferito fonti di sicurezza. Gli Stati Uniti temevano contraccolpi contro le
basi in cui le loro truppe sono schierate in tutto l'Iraq a seguito dell'uccisione del generale iraniano Qasem Soleimani.
 
- di Redazione Sky TG24

Hezbollah: iracheni stiano lontani da basi Usa

 
Le "brigate di Hezbollah" in Iraq hanno allertato le forze di sicurezza irachene e chiesto loro di "tenersi lontani dalle basi Usa almeno un chilometro a partire dalla serata odierna". Lo riportano i media locali.
 
- di Redazione Sky TG24

Due esplosioni a Baghdad

 
Sono state due le esplosioni a Baghdad, due forti boati sentiti distintamente: almeno 5 le persone ferite. Si sarebbe trattato di un razzo sulla Green Zone vicino all'ambasciata Usa e di un razzo sulla base aerea che ospita anche soldati americani.
- di Redazione Sky TG24