Migranti, naufragio davanti alle coste della Mauritania, almeno 58 morti

Mondo

Il barcone era partito giovedì 28 novembre 2019 dal Gambia con l’obiettivo di raggiungere le isole Canarie. A bordo 150 persone

Almeno 58 migranti sono morti ieri, quando il barcone sul quale si trovavano si è capovolto nelle acque dell'Oceano Atlantico all'altezza di Nuadibu', davanti alle coste della Mauritania: lo ha reso noto l'Organizzazione internazionale per le migrazioni. 83 persone sono riuscite a mettersi in salvo nuotando a riva.

Il bilancio delle vittime è uno tra i più alti registrati nel 2019

Sul barcone, che era partito dal Gambia il 28 novembre scorso ed era diretto alle isole Canarie, c'erano almeno 150 persone, tra cui donne e bambini. I feriti, di cui non si conosce ancora il numero, sono stati portati nell'ospedale di Nouadhibou. Il bilancio delle vittime è uno tra i più alti registrati quest'anno. "Le autorità della Mauritania stanno coordinando in modo molto efficiente i soccorsi con le agenzie presenti attualmente a Nouadhibou", ha detto Laura Lungarotti, responsabile dell'Oim.

Nessun commento dalle autorità del Gambia

Secondo fonti locali le speranze di trovare altre persone vive sono ridotte al minimo. Continuano invece le ricerche dei cadaveri che in alcuni casi sono stati trasportati a terra dalle onde. Le autorità locali si stanno coordinando con il consolato del Gambia, luogo di partenza del barcone, per assicurare che venga fornito il necessario supporto ai migranti mentre si trovano a Nouadhibou. Per il momento le autorità del Gambia non hanno commentato la tragedia.
 

Mondo: I più letti

Arriva sempre primo

Ricevi le notizie più importanti di politica, mondo, cronaca, spettacolo, le analisi e gli aggiornamenti. Per accettare le notifiche devi dare il consenso.

Hai attivato le notifiche di sky tg24

Fai login per ottenere il meglio subito.

Accedi con il tuo Sky ID o registrati in pochi istanti.