Cristiano Ronaldo non sarà incriminato per stupro. Gli inquirenti: "Nessuna prova solida"

Mondo

"Le accuse non possono essere provate oltre ogni ragionevole dubbio e non saranno contestati capi d'accusa al calciatore". L'attaccante della Juventus aveva sostenuto che il rapporto con la ex modella statunitense Katheryn Mayorga c'era stato, ma era stato consensuale

Cristiano Ronaldo non sarà processato incriminato per stupro. "Non c'è nessuna prova solida", dicono gli inquirenti che lasciano così cadere tutte le accuse. A sporgere denuncia contro l'attaccante è stata l'ex modella statunitense Katheryn Mayorga, che l'ha accusato di averla violentata in una stanza d'albergo a Las Vegas nel 2009.

"Accuse non provabili"

"Sulla base della revisione delle informazioni presentate, le accuse di abuso sessuale contro il calciatore non possono essere dimostrate oltre ogni ragionevole dubbio", ha spiegato Il procuratore Steve Wolfson. Kathryn Mayorga, che ora ha 35 anni, aveva accusato il cinque volte vincitore del Pallone d'Oro l'avesse stuprata il 13 giugno 2009 nella sua camera d'albergo a Las Vegas, nonostante avesse rifiutato le sue avances e protetto il suo sesso con le tue mani. L'attaccante della Juventus di Torino, all'epoca del Real Madrid, ha sempre negato queste accuse. La polizia di Las Vegas nel corso delle indagini aveva chiesto un campione di DNA al giocatore tramite le autorità italiane. 

Mondo: I più letti

Arriva sempre primo

Ricevi le notizie più importanti di politica, mondo, cronaca, spettacolo, le analisi e gli aggiornamenti. Per accettare le notifiche devi dare il consenso.

Hai attivato le notifiche di sky tg24