Esplora Sky TG24, Sky Sport, Sky Video

Kenya, volontaria italiana di 23 anni rapita durante attacco armato

6' di lettura

È accaduto ieri sera nella zona di Chakama, a circa 80 km da Malindi. La Farnesina conferma che la ragazza è Silvia Costanza Romano e lavora per la Ong Africa Milele Onlus. Chiesto il massimo riserbo. La Procura di Roma ha aperto un fascicolo d'indagine

Una volontaria italiana di 23 anni è stata rapita durante un attacco armato avvenuto ieri sera, alle 20 ora locale, in Kenya, nella contea di Kilifi. La Farnesina conferma l'accaduto precisando che si tratta di Silvia Costanza Romano , una ragazza di Milano che lavora per la onlus marchigiana Africa Milele. Durante l’episodio, avvenuto nella zona di Chakama, a circa 80 chilometri a ovest di Malindi (LE IMMAGINI DEL LUOGO DEL RAPIMENTO), sono rimaste ferite cinque persone. Lo ha riferito all’Associated Press il capo della polizia keniota Joseph Boinnet, che ha precisato che non è ancora chiaro il motivo dell'attacco né chi l’abbia compiuto. Nella zona ci sarebbero stati rapimenti di stranieri da parte di fondamentalisti islamici con base in Somalia: una delle ipotesi è che a entrare in azione sia stato un commando delle milizie di Al-Shabaab. "Non ci sono parole per commentare quello che sta accadendo. Silvia, siamo tutti con te. Africa Milele Onlus": questa la scritta che appare sulla homepage del sito della onlus di Fano con cui la ragazza è impegnata in Kenya.

Attivata l’unità di crisi della Farnesina, la Procura apre un’indagine

L'unità di Crisi della Farnesina si è immediatamente attivata e lavora a stretto contatto con l'ambasciata italiana a Nairobi e con la famiglia della cooperante. Come in tutti i casi di rapimenti all'estero, sottolineano le stesse fonti, la Farnesina intende mantenere il più stretto riserbo sulla vicenda "nell'esclusivo interesse della connazionale". Intanto la Procura di Roma ha aperto un fascicolo di indagine in cui si ipotizza il reato di sequestro di persona per finalità di terrorismo e, mentre si attende una prima informativa sulla vicenda, i carabinieri del Ros sono già in contatto con le autorità keniote.

Uomini armati hanno "sparato indiscriminatamente"

La polizia keniota su Twitter ha reso noto che nell'attacco gli uomini armati hanno "sparato indiscriminatamente" ferendo 5 persone, tra cui due ragazzini di 10 e 12 anni le cui condizioni sono stabili. In ospedale è stato anche ricoverato un 23enne, colpito al petto, le cui condizioni sono invece critiche, insieme ad altri due giovani feriti uno al ginocchio e l'altro alla coscia. La polizia sta lavorando "per scovare i criminali", hanno assicurato.

Un testimone: "Schiaffeggiata e legata prima di essere portata via"

Un testimone, un ragazzo che studia grazie alla onlus per cui lavora la ragazza, sostiene che i rapitori cercassero proprio lei, e che l'hanno schiaffeggiata e legata con le mani dietro la schiena, prima di portarla via. Il giovane afferma che la banda ha fatto irruzione nell'ufficio dell’organizzazione con fucili e machete, intimando che gli venisse detto “dov'era la donna bianca”. I rapitori non gli hanno creduto quando ha detto che lei non c’era e l’hanno trovata, aggredita, legata e portata via. A parlare è stato anche Davide Ciarrapica, fondatore della Onlus Orphan's Dream, con cui Silvia Romano aveva fatto un'esperienza di un mese di volontariato lo scorso agosto nell'orfanotrofio di Likoni: "Quando un mese fa è tornata in Kenya, Silvia mi è venuta a trovare e le ho detto di non andare a Chakama”, ha affermato Ciarrapica all’Ansa, “perché non è un posto sicuro, ma lei mi ha risposto che lì erano tutti suoi amici”.

La presidente della onlus: "Sono andati a colpo sicuro"

"Il rapimento della volontaria italiana 23enne è avvenuto in una parte del Kenya dove non ci sono centri commerciali, al massimo un negozietto dove si vendono fagioli e dove soprattutto non succede mai niente del genere", ha spiegato Lilian Sora, presidente della onlus, smentendo le ricostruzioni iniziali. "A quanto ci hanno raccontato le persone che abitano nel villaggio - ha aggiunto - sono arrivati quattro-cinque individui armati che hanno lanciato un petardo, facendo sollevare la sabbia e hanno sparato più volte. Poi sono andati, a colpo sicuro, nella casa dove era la nostra volontaria, probabilmente perché lì sapevano che c'era un’italiana, anche se non so spiegarmi il motivo di quello che è successo. In quel momento era da sola, perché altri erano partiti e altri ancora arriveranno nei prossimi giorni".

L’associazione attiva dal 2012

"Siamo in costante contatto con la Farnesina -  ha proseguito Sora - e attendiamo risvolti positivi affinché possa essere al più presto liberata la nostra volontaria". La fondatrice della onlus racconta di non aver mai avuto problemi, perché "si tratta di un'area tranquilla, un centro rurale in mezzo alla foresta". Africa Milele, che ha sede a Fano, è nata nel settembre 2012, a tre anni di distanza dal viaggio di nozze della sua fondatrice, con l'obiettivo di "fare qualcosa per quel Paese al quale sono legata affettivamente". E Milele, il nome in lingua swahili della onlus che ha fondato, significa “per sempre”. Nel tempo, Lilian Sora ha coinvolto nell'associazione anche i suoi genitori e gli amici e i progetti di Africa Milele si sono concentrati nel tempo soprattutto all'interno della comunità di Chakama, con l'obiettivo di renderla autosufficiente.

Data ultima modifica 21 novembre 2018 ore 19:00

Leggi tutto
Prossimo articolo
Segui Sky TG24 sui social:

SCELTI PER TE

    Aggiungi Sky TG24 al tuo Homescreen

    Clicca l'icona e seleziona

    "Aggiungi a Schermata Home"

    Aggiungi Sky TG24 al tuo Homescreen

    Clicca l'icona e seleziona

    "Aggiungi a Home"