Esplora Sky TG24, Sky Sport, Sky Video

Los Angeles, ex marine apre il fuoco in un locale: 13 morti tra cui assalitore

L'uomo, ex marine di 29 anni con problemi mentali, ha sparato sulla folla in un locale di Thousand Oaks, nell'area metropolitana a Nord ovest della città, mentre era in corso una festa di studenti universitari. Poi si è suicidato. Tra le vittime anche un vice sceriffo

Leggi tutto
1 nuovo post
Gli Stati Uniti fanno i conti con l’ennesima strage. È stata compiuta da un veterano bianco pluridecorato di guerra, Ian David Long, 28 anni, che, impugnata una Glock calibro 45, ha sparato all'impazzata in un locale notturno di Thousand Oaks, a una sessantina di km da Los Angeles e ha ucciso 12 persone. Poi, ha rivolto l'arma contro se stesso e si è suicidato.
 

La dinamica

 
L'ex marine Ian David Long, ha seminato terrore e morte verso le 23.20 nel Borderline C&W Bar and Grill, frequentato soprattutto da studenti di un vicino college di età tra i 18 e i 21 anni. L'autore della sparatoria avrebbe lanciato un fumogeno prima di cominciare a sparare nel locale, in cui era in corso una festa country, la "notte del college", cui partecipavano decine di ragazzi. Long, 28 anni, era già noto alle forze dell'ordine per alcuni precedenti di lieve entità. Il suo corpo, privo di vita, è stato ritrovato all'interno del club e non sembra che avesse con lui alcun documento di identità. Era vestito tutto di nero, con una felpa, il cui cappuccio gli copriva parte del viso.
 

Il killer aveva disturbi mentali


I motivi della sparatoria ancora non sono noti, ma gli agenti stanno in queste ore perquisendo la casa dell'aggressore. Il killer, ha spiegato lo sceriffo della contea di Ventura, Geoff Dean, "affermava di soffrire di disturbo da stress post-traumatico", come numerosi veterani di ritorno una volta dal Vietnam o di recente dall'Iraq. L’ex militare aveva servito nel corpo dei marines dall'agosto del 2008 al marzo del 2013 come mitragliere. Era stato in Afghanistan dal novembre del 2010 fino al giugno del 2011, secondo quanto ha reso noto il Pentagono. La sua ultima assegnazione era stata a Kanehoe Bay, nella Hawaii.
 

Tra le vittime il vicesceriffo

 
Tra le vittime, oltre a numerosi ragazzi, anche il vice sceriffo della contea di Ventura, Ron Helus, in servizio da 29 anni. È stato uno dei primi ufficiali a presentarsi sulla scena in risposta alla chiamata al 911. Stava cercando di andare in pensione il "prossimo anno o giù di lì", ha detto lo sceriffo Geoff Dean ai giornalisti.
 

Il cordoglio di Trump

 
"Dio benedica tutte le vittime e le famiglie delle vittime", ha scritto su Twitter il presidente americano, Donald Trump, rendendo omaggio a Helus e al "grande coraggio della polizia".
- di Daniele Troilo
Il liveblog si chiude qui. Per tutte le novità seguite la diretta e il sito di Sky Tg24.
- di monica.serra

Sparatoria los angeles: 12 vittime, poi il killer si toglie la vita

 

 
- di monica.serra

Il vice sceriffo morto da eroe a un passo dalla pensione

 

Ron Helus, dopo 29 anni nel dipartimento della contea di Ventura, prevedeva di lasciare il servizio fra pochi mesi. I colleghi: “Combattere il crimine era nel suo sangue, era un vero poliziotto”. CHI ERA

- di Daniele Troilo

È la 307esima sparatoria di massa in Usa nel 2018

 

Quella di stanotte in California è la 307esima sparatoria di massa negli Usa quest'anno, in pratica una al giorno.
- di Daniele Troilo

Il ricordo del vice sceriffo

 
- di Redazione Sky TG24

Alla Casa Bianca bandiere a mezz'asta

 
- di Redazione Sky TG24

#GunControlNow è trend su Twitter

- di Redazione Sky TG24

Lo sceriffo descrive i momenti dell'attacco

 
- di Redazione Sky TG24

Il killer era un ex marine con disturbi mentali

 
- di Redazione Sky TG24

La pistola era detenuta legalmente

 
Il killer della California, il veterano dei marine, Ian David Long, "sentiva di soffrire di disturbo da stress post-traumatico" e deteneva regolarmente la pistola calibro 45 con cui ha ucciso 12 persone. Lo ha dichiarato lo sceriffo della contea di Ventura, Geoff Dean. "Negli anni abbiamo avuto diversi contatti con lui per fatti minori, tra cui un incidente stradale", ha spiegato l'agente. "L'ultimo intervento della polizia a casa sua, per disturbo della quiete, nell'aprile scorso quando lui dichiarò di soffrire di disturbo da stress post-traumatico". 
- di Redazione Sky TG24

La notizia sui media locali

 
- di Redazione Sky TG24

Le stragi più gravi degli ultimi anni

 

Usa, le sparatorie più gravi degli ultimi anni | Sky TG24

Leggi su Sky Tg24 l’articolo Usa, le sparatorie più gravi degli ultimi anni | Sky TG24
- di Redazione Sky TG24

Il killer era un ex marine con problemi mentali 

 
L'autore della sparatoria in un bar californiano era stato un marine attivo sino al 2013: lo ha detto in una conferenza stampa lo sceriffo Geoff Dean. Il killer aveva avuto problemi mentali ma aveva comprato l'arma legalmente, ha aggiunto lo sceriffo.
 
 
 
- di Redazione Sky TG24

Sceriffo: nel locale c'erano 150-200 persone

 
Nel bar della sparatoria in California c'erano circa 150-200 persone quando il killer ha cominciato a sparare: lo ha detto in una conferenza stampa lo sceriffo Geoff Dean.
- di Redazione Sky TG24

L'autore della sparatoria trovato morto all'interno del locale

 
L'autore della sparatoria in un bar californiano è stato trovato morto all'interno del locale e probabilmente si è ucciso: lo ha detto in una conferenza stampa lo sceriffo Geoff Dean. L'assalitore ha ucciso prima una guardia all'esterno e poi alcuni dipendenti all'interno, prima di fare fuoco sulla folla con una pistola Glock calibro 45, che pare essere stata l'unica arma usata.
- di Redazione Sky TG24

L'autore della sparatoria in California si sarebbe suicidato

 
Ian David Long, l'autore della sparatoria in un bar in California, si sarebbe suicidato. E' quanto ritengono gli investigatori, secondo quanto riferito dallo sceriffo Geoff Dean in un aggiornamento con i media americani. 
 
- di Redazione Sky TG24

Il killer era un veterano dell'esercito

E' il veterano 28enne Ian David Long l'uomo ritenuto responsabile della sparatoria nel bar a Thousand Oaks in California, in cui sono morte 13 persone incluso l'aggressore. Lo ha riferito lo sceriffo della contea di Ventura. 
- di Redazione Sky TG24

La ricostruzione del nostro corrispondente

 
- di Redazione Sky TG24