Venezuela, Maduro accusa leader opposizione per l'attacco con i droni

Mondo
Getty_Maduro_Venezuela

Secondo il Presidente, Julio Borges che vive in esilio in Colombia, sarebbe il responsabile del presunto tentativo di assassinio con droni. Ad accusarlo sarebbero stati alcuni dei sospettati già arrestati

Il presidente venezuelano Nicolas Maduro ha accusato uno dei più importanti leader dell'opposizione del Paese di essere collegato al tentativo di assassinio con droni (FOTO). Maduro ha detto in diretta tv che i sospetti già arrestati accusano Julio Borges, un leader dell'opposizione che vive in esilio in Colombia.

L'attacco con i droni

Il tentativo di assassinio è stato messo a segno sabato scorso, quando due droni armati sono esplosi vicino al presidente che parlava all'aperto durante una celebrazione militare. Le immagini in diretta televisiva hanno mostrato Maduro e sua moglie che guardavano il cielo durante l'esplosione.

Sei arresti

I pubblici ministeri affermano di aver arrestato sei persone accusate di tradimento, tentato omicidio e terrorismo. Maduro ha invitato i leader statunitensi e colombiani a consegnare eventuali sospetti

Mondo: I più letti

Arriva sempre primo

Ricevi le notizie più importanti di politica, mondo, cronaca, spettacolo, le analisi e gli aggiornamenti. Per accettare le notifiche devi dare il consenso.

Hai attivato le notifiche di sky tg24

Fai login per ottenere il meglio subito.

Accedi con il tuo Sky ID o registrati in pochi istanti.