Chi è Alexandria Ocasio-Cortez, la nuova star dei democratici Usa

Alexandria Ocasio-Cortez festeggia i primi risultati elettorali il 26 giugno a New York (Getty Images)
4' di lettura

La 28enne ispanica è riuscita nell'impresa di sconfiggere Joe Crowley, tra i maggiori esponenti del partito. Nel suo programma sanità gratuita per tutti e protezione dei dreamers

Nelle ultime 24 ore gli occhi del mondo dem statunitense, e di gran parte del mondo, sono puntati su Alexandria Ocasio-Cortez. La stella nascente della politica statunitense che a soli 28 anni ha sconfitto nelle primarie democratiche di New York, Joe Crowley, tra i politici più potenti del partito dell'asinello.

Il volto nuovo dei dem

Per capire la portata dell'impresa di Ocasio-Cortez bisogna partire dal pedigree politico del suo sfidante Joseph Crowley, 57 anni di cui 20 al Congresso. È considerato uno dei maggiorenti del partito democratico e, fino a ieri, probabile successore di Nancy Pelosi alla guida di portavoce dell'opposizione in Congresso. Capo indiscusso del 14mo distretto di New York, Crowley ha raccolto per quest'ultima tornata elettorale finanziamenti pari a circa 3 milioni di dollari. Dieci volte di più di quanto fatto dalla sfidante Ocasio-Cortez che con 300mila dollari e un passato da barista al Flats Fix di Manhattan, è riuscita a distanziare il suo sfidante di oltre 4mila voti. Un risultato potente sul quale il partito inizia già a interrogarsi.

Chi è Alexandria Ocasio-Cortez

"Donne come me non è previsto che corrano" per il Congresso, ha dichiarato l'attivista 28enne dei Democratic Socialists of America nello spot elettorale che l'ha portata al trionfo e che è diventato virale sui social media. La giovane ispanica, educatrice ed attivista, ha lavorato per la campagna presidenziale di Bernie Sanders, il senatore liberal del Vermont battuto da Hillary Clinton nella corsa alla nomination democratica per la presidenza degli Stati Uniti. Una figura, quella di Sanders, che ha comunque contribuito a ridare speranza politica a milioni di millennial, donne, esponenti delle minoranze. E Alexandra Ocasio-Cortez è la sintesi perfetta di entrambe queste categorie. "Non vengo da una famiglia ricca e potente. - ha sostenuto la giovane - Mamma portoricana, papà del sud del Bronks. Sono nata in un quartiere dove il codice di avviamento postale della zona in cui vivi determina il tuo destino". Nel suo programma elettorale c'erano molti dei punti forti rivendicati dalla nuova ala sinistra rappresentata in passato da Sanders. Tra questi sanità gratuita per tutti, l'abolizione del dipartimento per l'Immigrazione e le frontiere, la protezione dei 'dreamers' (i giovani immigrati portati negli Usa da piccoli da genitori clandestini) e un sistema di finanziamento delle campagne elettorali più trasparente.

Le origini umili di Alexandria

Proprio Bernie Sanders è stato uno dei primi a commentare il risultato ottenuto dalla sua ex dipendente che, ora potrebbe aprire una lunga riflessione all'interno del partito democratico: all'orizzonte ci sono infatti le prossime elezioni di metà mandato e le future presidenziali. E se c'è chi giudica il fenomeno Cortez come un episodio isolato, per molti critici dell'establishment democratico, l'ex barista rappresenta la vera anima della base che lentamente si distacca dal partito. "Si è messa contro tutto l'establishment democratico del suo distretto e ha vinto", ha detto soddisfatto Sanders. Per molti osservatori, la Ocasio-Cortez incarna il futuro del partito democratico. Si è laureata alla Boston University e ha lavorato per il senatore Ted Kennedy. Dopo la laurea è tornata nel Bronx dove ha lavorato come educatrice, ma anche come barista per poter aiutare la madre, donna delle pulizie, a scongiurare il pignoramento della casa dopo la morte del padre, ucciso dal cancro. "Capisco il dolore della classe dei lavoratori - ha detto la 28enne in un'intervista alla Msnbc – perché io ho sperimentato quel dolore". La scorsa settimana aveva sospeso la campagna per le primarie dem di New York per andare in Texas a protestare contro la separazione delle famiglie di immigrati.

Leggi tutto
Prossimo articolo

Aggiungi Sky TG24 al tuo Homescreen

Clicca l'icona e seleziona

"Aggiungi a Schermata Home"

Aggiungi Sky TG24 al tuo Homescreen

Clicca l'icona e seleziona

"Aggiungi a Home"