Coree, Pyongyang bacchetta gli Usa: ostacolano la riconciliazione

3' di lettura

Un tentativo di rovinare la nascente distensione tra i due Paesi. Così la Corea del Nord definisce le "fuorvianti" affermazioni di Washington, secondo le quali le sanzioni sarebbero state l'elemento scatenante che ha condotto Pyongyang al tavolo dei negoziati

La Corea del Nord ritiene "fuorviante" la tesi sostenuta da Washington secondo cui le sanzioni hanno spinto il dittatore Kim Jong-un ad aprire le trattative con la Corea del Sud, e parla di "provocazione" americana. 
Un portavoce del ministero degli Esteri, citato dall'agenzia di Stato nordcoreana, definisce le affermazioni un "pericoloso tentativo" di rovinare la nascente distensione tra le due Coree dopo l'incontro tra i due leader Kim Jong Un e Moon Jae-in.
Durante il summit tra i due leader, la Corea del Nord aveva accettato di avviare una denuclearizzazione della penisola.
"Gli Stati Uniti stanno deliberatamente provocando la Corea del Nord proprio mentre la situazione della penisola coreana sta andando verso la pace e la riconciliazione". Un incontro tra Kim e il presidente degli Stati Uniti Donald Trump è atteso tra la fine di questo mese e l'inizio di giugno.

Trump riceverà il presidente della Corea del Sud il 22 maggio 

Proprio ieri la Casa Bianca ha annunciato che Donald Trump riceverà il presidente della Corea del Sud, Moon Jae-in, il prossimo 22 maggio. I due leader parleranno dell'incontro in programma fra Trump e il leader nord coreano Kim Jong Un. Il presidente Usa ieri ha avuto inoltre un colloquio telefonico con il primo ministro inglese Theresa May, con la quale ha parlato di scambi commerciali, dell'atteso incontro con il leader nord coreano Kim Jong Un e dell'Iran.

Corea Nord: fuso orario torna lo stesso di Seul

Ieri la Corea del Nord ha rivisto  come preannunciato, il suo fuso orario, riportandolo a quello di Seul, un cambiamento descritto come un primo passo per far "diventare uno" i due Paesi.
La decisione era stata annunciata dal leader nordcoreano Kim Jong Un durante lo storico incontro avuto sul confine con il presidente sudcoreano Moon Jae-in. L'agenzia di stampa della Corea del Nord ha riferito che la promessa è stata mantenuta con un decreto del presidio della nazione della Suprema assemblea del Popolo.
Le due Coree hanno usato per decenni lo stesso fuso orario, fino al 2015, quando il Nord creò il suo "fuso di Pyongyang", portando le lancette 30 minuti indietro rispetto alla Corea del Nord e al Giappone.

Leggi tutto
Prossimo articolo