Francia, i ferrovieri annunciano 36 giorni di sciopero

Una recente protesta dei ferrovieri alla Gare de Lyon di Parigi (Getty Images)
2' di lettura

Dal 3 aprile al 28 giugno. I sindacati protestano contro la riforma della Sncf voluta dal presidente Macron. L'azienda: “Brutta notizia per i 4 milioni e mezzo di pendolari francesi”  

Rischio di sciopero a oltranza delle ferrovie francesi: per protestare contro la riforma della Sncf promessa dal presidente Emmanuel Macron, i sindacati hanno annunciato 36 giorni di stop da spalmare sui prossimi tre mesi.

Il calendario dello sciopero

Secondo il calendario annunciato dai sindacati, e pubblicato su Twitter da un giornalista di Le Monde, i lavoratori della Sncf - la società pubblica delle ferrovie francesi - incroceranno le braccia due giorni ogni cinque, a partire da martedì 3 aprile e fino al 28 giugno. Un periodo che - sottolinea il quotidiano d'Oltralpe - comprende le vacanze primaverili e i ponti del mese di maggio. La decisione è stata presa giovedì 15 marzo, dopo una riunione intersindacale tra i principali organi di rappresentanza dei ferrovieri: CGT-Cheminots, Unsa-ferroviaire, Sud-Rail et CFDT-Cheminots.

Le ragioni della protesta

A causare lo strappo è la riforma della Sncf voluta dal governo che, secondo i sindacati, "non ha alcuna volontà di negoziare" e "deve farsi carico della responsabilità di un conflitto di lunga durata". Un nuovo appuntamento per stabilire i dettagli dello sciopero si terrà mercoledì prossimo, alla vigilia della grande manifestazione già programmata per giovedì 22 marzo a Parigi. Per Macron quella della ristrutturazione aziendale delle ferrovie di Francia è tra le prime grandi prove di forza da quando siede all'Eliseo.

La risposta della Sncf

Il patron di Sncf Guillaume Pepy, sempre citato da Le Monde, ha definito l'annuncio dello sciopero "prima di tutto una brutta notizia per i 4 milioni e mezzo di pendolari francesi che ogni giorno prendono il treno", e si è impegnato a pubblicare quotidianamente, la sera prima, la lista delle tratte garantite il giorno successivo. In alcuni casi i treni soppressi potranno essere sostituiti da corse di pullman.

Leggi tutto
Prossimo articolo