Florida, stato d'emergenza per un evento con un suprematista bianco

Mondo
Richard_Spencer_GettyImages

Secondo il governatore dello stato americano, Rick Scott, l'incontro organizzato dall'università locale al quale parteciperà Richard Spencer rappresenta "un'emergenza potenziale". L'attivista è stato tra gli organizzatori delle proteste di Charlottesville

"Viviamo in un paese in cui ognuno ha il diritto di esprimere la propria opinione. Tuttavia, abbiamo zero tolleranza per la violenza, e la sicurezza pubblica è sempre la nostra priorità numero uno". Con queste parole il governatore della Florida, Rick Scott, ha voluto spiegare la decisione di dichiarare lo stato d'emergenza nella contea di Alachua in vista dell'evento organizzato dall'università dello Stato il 19 ottobre al quale interverrà il suprematista bianco, Richard Spencer. Il giovane attivista è stato uno degli organizzatori delle proteste di Charlottesville, in Virginia, dello scorso 13 agosto durante le quali ci furono diversi feriti e una donna perse la vita.

Emergenza potenziale

Secondo Scott la misura è giustificata dal fatto che l'evento rappresenta "un'emergenza potenziale" nella contea di Alachua, dove ha sede l'università della Florida. Con la proclamazione dello stato d’emergenza, ha spiegato il governatore, le forze dell'ordine avranno maggiore libertà d'azione per mantenere l'ordine pubblico e potranno coordinarsi più facilmente con i funzionari statali e con le agenzie federali. Nel caso in cui ce ne fosse bisogno, Scott ha ordinato lo stato di preallerta anche per la Guardia Nazionale della Florida.

Il precedente di Charlottesville

Spencer lo scorso agosto è stato tra gli organizzatori di una delle più grandi manifestazioni di neonazisti degli ultimi anni. Nello specifico aveva organizzato le marce "You will not replace us" e "Jews will not replace us" ("Voi non ci sostituirete" e "Gli ebrei non ci sostituiranno") durante le quali i suprematisti bianchi si erano scontrati con un gruppo di antirazzisti, accorsi a Charlottesville per protestare contro questa manifestazione. A causa delle violenze il governatore dello stato della Virginia, il democratico Terry McAuliffe, aveva dichiarato lo stato di emergenza.

Spencer: "Non capisco"

Nelle scorse settimane, l'università della Florida aveva tentato di annullare l'evento per motivi di ordine pubblico ma Spencer, grazie all'intervento dei suoi legali, è riuscito preservare il suo intervento che consisterà in un discorso e in una sessione di domande successive. I funzionari dell'ateneo hanno fatto sapere che, in vista dell'evento, hanno stanziato 500mila dollari per la sicurezza all’interno del campus. "Non capisco – la decisione di proclamare lo stato d'emergenza (ndr) – mi auguro che lo abbiano fatto sulla base di buone intenzioni" ha dichiarato Spencer commentando il provvedimento emanato dal governatore. "Il mio popolo è un sostenitore della sicurezza. Stiamo andando avanti in buona fede" ha aggiunto il suprematista bianco, sottolineando che i suoi seguaci non si renderanno protagonisti di atti di violenza, a meno che non sia qualcun altro ad iniziare. 

Mondo: I più letti

Arriva sempre primo

Ricevi le notizie più importanti di politica, mondo, cronaca, spettacolo, le analisi e gli aggiornamenti. Per accettare le notifiche devi dare il consenso.

Hai attivato le notifiche di sky tg24