Valfurva, precipitano durante scalata: morta 26enne, ferito 60enne

Lombardia

L'incidente è avvenuto sul versante valtellinese del Gran Zebrù, a quasi 3.000 metri di quota. La salma è stata trasportata all'obitorio di Solda (Bolzano)

Incidente mortale in montagna sul versante valtellinese del Gran Zebrù, a quasi 3.000 metri di quota nel territorio comunale di Valfurva (Sondrio). La vittima sul Gran Zebrù è Sandra Carla Bianchi: aveva 26 anni, era nata a Lovere (Bergamo) e abitava a Darfo Boario Terme (Brescia). A dare l'allarme raccolto dal 112 di Bolzano, attorno alle 8.30, è stato il suo compagno di cordata, 60 anni e anche lui di Darfo, che è rimasto ferito: ha subito un forte choc per l'accaduto.

L'incidente

L'incidente si è verificato a 2.800 metri di quota all'uscita del Canale Pale Rosse. Superato questo passaggio difficile, i due alpinisti si sono sganciati dalla corda per proseguire lungo la cresta verso la vetta. Improvvisamente, la donna è scivolata e precipitata per 600 metri, morendo sul colpo.

I soccorsi

La cella agganciata dal telefono cellulare era sul versante di Bolzano quindi i primi a mettersi in azione sono stati i soccorritori altoatesini. Poi anche il Soccorso Alpino della VII Delegazione di Valtellina, il Soccorso alpino di Solda - Bergrettung Sulden e il Sagf della Guardia di finanza di Bormio. La salma è stata trasportata all'obitorio di Solda (Bolzano) mentre l'uomo ferito è stato accompagnato a valle. Informati dell'accaduto i magistrati di Sondrio, tramite i carabinieri della Compagnia di Tirano.

Milano: I più letti

Arriva sempre primo

Ricevi le notizie più importanti di politica, mondo, cronaca, spettacolo, le analisi e gli aggiornamenti. Per accettare le notifiche devi dare il consenso.

Hai attivato le notifiche di sky tg24