Bergamo, ricette false per 800mila euro: arrestata farmacista

Lombardia

A dare il via all'inchiesta è stata la sospetta impennata delle vendite, da parte della farmacia del piccolo paese della bergamasca, di un peculiare tipo di farmaco

I carabinieri del Nas di Brescia hanno arrestato una farmacista di Vilminore di Scalve (Bergamo) per falso e truffa aggravata. Secondo l'accusa, la professionista, da oltre un anno, avrebbe falsificato ricette mediche riportando su di esse costosi farmaci destinati esclusivamente a trapiantati di fegato, con spesa a carico del Servizio Sanitario Nazionale. 

L'accusa

Così l'indagata secondo l'accusa è riuscita a ottenere, in poco più di un anno, un indebito rimborso per una cifra stimata, al momento, in oltre 800mila euro. A dare il via all'inchiesta è stata la sospetta impennata delle vendite, da parte della farmacia del piccolo paese della bergamasca, di un peculiare tipo di farmaco (un'immunoglobulina umana usata negli adulti sottoposti a trapianto di fegato a causa di un'infezione da epatite B per scongiurare una recidiva), distribuito al prezzo di 1.840 euro.

Milano: I più letti

Arriva sempre primo

Ricevi le notizie più importanti di politica, mondo, cronaca, spettacolo, le analisi e gli aggiornamenti. Per accettare le notifiche devi dare il consenso.

Hai attivato le notifiche di sky tg24

Fai login per ottenere il meglio subito

Accedi con il tuo Sky ID o registrati in pochi istanti.