Pioltello, sequestrano un uomo per farsi consegnare il Pin della carta di credito. Video

Lombardia

È accaduto nella notte tra il 30 settembre e il primo ottobre 2020 e i quattro presunti autori, tutti con precedenti, sono stati arrestati. "Mi hanno prima preso il portafogli e poi mi hanno fatto spogliare per evitare che scappassi", ha raccontato la vittima agli investigatori

Quattro persone sono state arrestate con l'accusa di aver sequestrato un uomo di 31 anni di Pioltello (Milano), e di averlo costretto a cedere i codici della sua carta di credito. L'episodio è accaduto nella notte tra il 30 settembre e il primo ottobre 2020 e i quattro presunti autori, due italiani, di 25 e 35 anni, e due marocchini, di 23 e 24 anni, tutti con precedenti, sono stati arrestati per sequestro di persona, rapina e minaccia aggravata, violenza privata, lesioni personali e indebito utilizzo di carte di credito.

Il sequestro di persona e le violenze

L'indagine era iniziata a Melzo la mattina del 3 ottobre, quando la vittima si era presentata alla stazione dei carabinieri per raccontare la violenza subita. Nella serata del primo ottobre il 31enne aveva incontrato i due stranieri a Cernusco sul Naviglio e poco dopo era stato costretto a seguirli in una fabbrica abbandonata a Cassina de' Pecchi, dove erano stati raggiunti dai complici italiani. "Mi hanno prima preso il portafogli e poi mi hanno fatto spogliare per evitare che scappassi", ha raccontato agli investigatori. I quattro lo hanno tenuto in trappola per ore, picchiandolo a piacimento e minacciando di ucciderlo lanciandolo dal quarto piano della struttura. In questo modo lo hanno convinto a rivelare loro il codice della carta di credito con cui hanno prelevato i contanti fino al tetto massimo giornaliero, 1.800 euro. Per farlo hanno usato sportelli bancomat ma anche sale giochi, consentendo così ai carabinieri di ricostruire il percorso seguito durante la notte attraverso le telecamere in strada e nei locali. Attorno alle 5, poco prima dell'alba, il 31enne è stato liberato dai sequestratori ed è tornato a casa in stato di choc.

Le immagini delle indagini

Le minacce, la denuncia e gli arresti

Nel pomeriggio del primo ottobre sembrava già un brutto sogno ormai passato ma i quattro sono riapparsi con una chiamata sul suo cellulare. Con alcune minacce i malviventi hanno provato a dissuaderlo dal presentare denuncia e per un paio di giorni quelle parole hanno ottenuto il risultato sperato. Ma la mattina del 3 ottobre l'uomo ha trovato la forza per raccontare tutto ai carabinieri della stazione di Melzo che poi lo hanno accompagnato al Policlinico, dove i medici hanno valutato le sue contusioni guaribili in 7 giorni. I militari, coordinati dalla procura milanese, sono partiti proprio da quel numero di telefono utilizzato per le minacce per tracciare con maggiore precisione gli spostamenti del gruppo. Nelle scorse ore è stata eseguita l'ordinanza di custodia cautelare in carcere tra a Vigevano (Pavia) e Milano. In tre erano a casa mentre uno dei marocchini senza dimora è stato rintracciato nel quartiere "Satellite" di Pioltello. A casa dell'altro straniero è stato trovato il giubbotto sottratto alla vittima e in tasca c'erano ancora 700 euro in banconote da 50.

Milano: I più letti

Arriva sempre primo

Ricevi le notizie più importanti di politica, mondo, cronaca, spettacolo, le analisi e gli aggiornamenti. Per accettare le notifiche devi dare il consenso.

Hai attivato le notifiche di sky tg24

Fai login per ottenere il meglio subito

Accedi con il tuo Sky ID o registrati in pochi istanti.