Brescia, picchia e videocontrolla la compagna: arrestato 50enne

Lombardia
©Fotogramma

Secondo le indagini dei carabinieri, l’uomo aveva costretto la donna a interrompere la gravidanza perché convinto che il bambino non fosse il suo. La vittima ha sporto denuncia all’inizio di quest’anno

Un 50enne di origini straniere residente a Padenghe sul Garda, nel Bresciano, è stato arrestato con l'accusa di maltrattamenti aggravati, violenza sessuale aggravata, lesioni aggravate ed abusiva videoripresa nei confronti della compagna convivente.

La vicenda

I due avevano iniziato la loro relazione un anno fa e l'uomo si sarebbe fin da subito rivelato molto geloso, tanto da arrivare ad installare anche due telecamere nascoste nella cucina dell'abitazione per controllare i movimenti della compagna. Secondo le indagini, l'aveva costretta anche a interrompere la gravidanza perché convinto che il bambino non fosse suo. In un caso, secondo quanto ricostruito dai carabinieri, l'uomo durante un litigio aveva infilato in gola alla fidanzata il telecomando della tv, tentando poi di soffocarla con un sacchetto di plastica sulla testa. A inizio 2021 la vittima ha deciso di sporgere denuncia raccontando in lacrime la sua terribile storia.

Milano: I più letti

Arriva sempre primo

Ricevi le notizie più importanti di politica, mondo, cronaca, spettacolo, le analisi e gli aggiornamenti. Per accettare le notifiche devi dare il consenso.

Hai attivato le notifiche di sky tg24

Fai login per ottenere il meglio subito.

Accedi con il tuo Sky ID o registrati in pochi istanti.