Brescia, tirò un pugno in faccia alla moglie: gip archivia inchiesta per “fatto modesto”

Lombardia
©Ansa

La prognosi per la donna, che aveva denunciato il marito 46enne, era di 8 giorni. La vittima si era opposta alla richiesta di archiviazione

Un 46enne aveva colpito con un pugno al volto la moglie, che era finita in ospedale con una prognosi di otto giorni e aveva denunciato il marito. Il gip di Brescia ha ritenuto l’aggressione un “fatto di entità modesta" e ha archiviato l'inchiesta a carico dell'uomo.

La vicenda

Secondo quanto racconta il quotidiano locale Bresciaoggi, la vittima, denunciando il marito aveva spiegato che già in passato era stata aggredita dall'uomo. La donna si era opposta alla richiesta di archiviazione avanzata dalla Procura, ma il gip non ha cambiato idea. "Anche adottando la lettura della vicenda più sfavorevole all'indagato - ha scritto - si manifesta un'aggressione al bene della vita oggetto di tutela, in definitiva modesta".

Milano: I più letti

Arriva sempre primo

Ricevi le notizie più importanti di politica, mondo, cronaca, spettacolo, le analisi e gli aggiornamenti. Per accettare le notifiche devi dare il consenso.

Hai attivato le notifiche di sky tg24