Sequestra e tortura donna in Brianza, fermato

Lombardia
©Ansa

A quanto emerso, lo stesso uomo era stato già denunciato per aver aggredito e rotto il naso a un'altra donna, una sua ex fidanzata, qualche giorno prima

Un uomo di 36 anni, impiegato di banca di Monza, è stato sottoposto a fermo di indiziato delitto con l'accusa di aggressione, sequestro di persona e tortura nei confronti di una donna, costretta a subire percosse senza bere o mangiare per oltre 24 ore, nel suo appartamento del centro di Monza, tra il 26 e il 27 settembre scorsi.

La vicenda

Da quanto appreso, la donna è stata picchiata fino a subire la frattura di tre costole. Si tratta di una 35 enne milanese con cui l'uomo aveva intrattenuto una breve relazione. La donna, a quanto emerso, si è recata a casa sua per un ultimo chiarimento ma il 36enne l'ha aggredita ferocemente costringendola a rimanere in casa sua. Approfittando di un suo momento di distrazione la donna è riuscita a telefonare ai suoi parenti, i quali sono corsi a prenderla per poi portarla subito in ospedale. La donna, a quel punto, ha sporto denuncia ai carabinieri di Milano. 

I precedenti

Lo stesso uomo era stato già denunciato per aver aggredito e rotto il naso a un'altra donna, una sua ex fidanzata, qualche giorno prima. Fermato dai carabinieri, il 36enne è ora in custodia cautelare presso il reparto di psichiatria del San Gerardo di Monza.

Milano: I più letti

Arriva sempre primo

Ricevi le notizie più importanti di politica, mondo, cronaca, spettacolo, le analisi e gli aggiornamenti. Per accettare le notifiche devi dare il consenso.

Hai attivato le notifiche di sky tg24

Fai login per ottenere il meglio subito.

Accedi con il tuo Sky ID o registrati in pochi istanti.