Coronavirus, Milano lancia il piano per la ripartenza: cosa cambierà con la fase 2

Lombardia
Immagine di archivio (Agenzia Fotogramma)

Il piano, lanciato dal Comune e aperto ai contributi dei cittadini, ha l’obiettivo di gestire la ripartenza valorizzando lo spazio pubblico, per consentire a bar e ristoranti di poterlo sfruttare al meglio, con le dovute norme di distanza 

Si chiama “Milano 2020. Strategia di adattamento” il piano lanciato dal Comune di Milano, aperto ai contributi dei cittadini, per gestire la ripartenza durante la Fase 2 (LA DIRETTA – LA SITUAZIONE IN LOMBARDIA). Il documento è stato presentato da alcuni assessori in una conferenza stampa in streaming, nonché divulgato dall’assessore all’Urbanistica, al Verde e all’Agricoltura del capoluogo lombardo, Pierfrancesco Maran, sul proprio profilo Twitter. Nel testo si prevedono, tra le varie cose, il limite di velocità a 30 chilometri all'ora introdotto in modo diffuso in città e degli spazi per tavolini anche in sostituzione dei posti auto o al margine della carreggiata.

Cosa prevede “Milano 2020”

Il piano punta in generale su una riorganizzazione dei tempi e degli spazi della città: dalla ridefinizione dell'uso delle strade e degli spazi pubblici, all'aumento degli spostamenti con la bicicletta e a piedi, alla riscoperta della dimensione di quartiere per vivere la città in modo diverso, senza il pericolo di creare assembramenti. L'obiettivo è dunque valorizzare lo spazio pubblico per consentire a bar e ristoranti di poterlo sfruttare al meglio, con le dovute norme di distanza.

Limite velocità per auto e piste ciclabili

Saranno incentivate la mobilità pedonale e quella ciclabile, mentre per le auto, su alcune strade, ci sarà meno spazio e un limite di 30 chilometri orari. Il Comune sta lavorando a 10 nuovi tratti di piste ciclabili per quasi 23 chilometri "che saranno pronti nel corso dell'estate - ha spiegato Marco Granelli, assessore alla Mobilità del Comune -, fanno parte di un pacchetto di 35 chilometri che saremo in grado di inserire alla fine dell'anno".
La pista ciclabile dal centro di Milano, piazza San Babila, a Sesto Marelli di 6 chilometri sarà realizzata con la segnaletica e i lavori inizieranno il 29 aprile, il primo tratto quello di corso Venezia sarà pronto l'11 maggio. In corso Venezia saranno realizzate due piste ciclabili tra marciapiedi e parcheggi e la "sosta sarà spostata più in centro strada e sarà soprattutto per carico- scarico e moto. La viabilità delle auto avrà uno spazio minore e sarà in zona 30". In viale Monza, strada di solito molto trafficata, spazio a una pista ciclabile innovativa, la ciclabile express, "grazie alle autorizzazioni del ministero", che sarà percorribile da fine luglio. Ci saranno due corsie ciclabili al centro della strada a fianco dello sparti traffico.

Vita "di quartiere": tutto nel raggio di 15 minuti a piedi

Nella fase della ripartenza la vita a Milano sarà quella "di quartiere", dove tutto quello che serve si trova nel raggio di 15 minuti a piedi. L' obiettivo sarà quello di "limitare la migrazione delle persone dai quartieri residenziali a quelli legati al consumo", ha spiegato l'assessore al Commercio, Cristina Tajani. "Ogni dimensione dovrà avere una dimensione propria di consumo e socialità in modo da utilizzare tutto lo spazio fisico della città, anche all'aperto". Il Comune punta a cambiare, desincronizzare, gli orari della città anche per favorire un minore afflusso di persone sui mezzi di trasporto, che è il vero nodo da affrontare. In questo avrà un ruolo fondamentale anche lo smart working.

Parchi con accessi monitorati e limitazioni ad attività sportive

Ci sarà inoltre una graduale riapertura di parchi e giardini, con l'introduzione di sistemi di monitoraggio degli accessi. Lo sport potrà riprendere in sicurezza negli spazi aperti dei centri sportivi, senza l'uso degli spogliatoi, mentre - se consentito - l'obiettivo è quello di aprire le piscine e gli impianti estivi per i mesi di luglio e agosto.

Musei e biblioteche aperti: accessi limitati e misure di distanziamento

Anche la cultura avrà una sua ripartenza: musei e biblioteche potranno riaprire con misure di distanziamento e contingentamento delle capienze. "Estate sforzesca", la rassegna estiva di iniziative culturali realizzata dall'amministrazione comunale e dedicata alla musica, al teatro e alla danza, potrebbe rappresentare una piattaforma di sperimentazione per nuove forme di accesso all'aperto.

Milano: I più letti

Arriva sempre primo

Ricevi le notizie più importanti di politica, mondo, cronaca, spettacolo, le analisi e gli aggiornamenti. Per accettare le notifiche devi dare il consenso.

Hai attivato le notifiche di sky tg24

Fai login per ottenere il meglio subito

Accedi con il tuo Sky ID o registrati in pochi istanti.