Esplora Sky TG24, Sky Sport, Sky Video

Coronavirus Lombardia, Pazzali: "Rispetteremo i tempi per l'ospedale Fiera". Diretta

14' di lettura

La struttura temporanea, ha spiegato a Sky TG24 il presidente della fondazione Fiera Milano, ospiterà 250 posti letto. Secondo il sindaco di Brescia, Emilio Del Bono, morti e contagi nella provincia sarebbe superiori a quelli riportati dai dati ufficiali

"Oggi è il sesto giorno di cantiere e contiamo di rispettare gli impegni che ci siamo presi". Così il presidente della fondazioen Fiera Milano, Enrico Pazzali, ai micorofoni di Sky TG24. La struttura, ha spiegato, ospiterà 250 posti letto.
La provincia di Brescia continua a essere tra le più colpite dall'emergenza coronavirus. Secondo quanto affermato dal sindaco del capoluogo, Emilio Del Bono, morti e contagi nel territorio bresciano sarebbe superiori a quelli riportati dai dati ufficiali. “I numeri non calano e ora mancano medici e infermieri", ha poi aggiunto il primo cittadino. Il presidente di Regione Lombardia, Attilio Fontana, ha sottolineato che saranno rispettati i tempi per la realizzazione dell'ospedale alla Fiera di Milano e che il "rallentamento nei contagi si può definire costante. Inizia oggi l'attività all'ospedale da campo di Crema (FOTO), la struttura sarà gestita dall'Esercito, dall'Asst Crema e dalla cosiddetta Brigata Cubana. Nel pomeriggio la notizia del ricovero al San Raffaele di Milano dell'ex capo della Protezione Civile Guido Bertolaso. (LA DIRETTA)

19:51 - Primi cinque pazienti all'ospedale di Crema

Con il ricovero dei primi cinque pazienti da oggi pomeriggio è diventato operativo l'ospedale da campo dell'esercito attrezzato davanti a quello di Crema e gestito da una brigata di oltre 50 tra medici e infermieri cubani. Da quanto è stato riferito dal medico che guida la 'brigata', le cinque persone positive al Covid-19 occupano i letti a bassa e media intensità allestiti nella struttura.

19:44 - Bertolaso ha lavorato dall'ospedale

L'ex capo della Protezione Civile, Guido Bertolaso, ha una leggera febbre ed è sotto osservazione. Questo pomeriggio ha continuato a leggere e lavorare, secondo quanto riferiscono fonti qualificate. Anche se le sue condizioni sembrano "discrete", i medici dell'ospedale San Raffaele di Milano hanno ritenuto opportuno ricoverarlo in uno dei reparti Covid predisposti nella struttura.

18:33 - Gallera: "Rallenta crescita dei contagi e dei morti"

In Lombardia rallentano sia la crescita dei contagiati che quella dei deceduti. A riferirlo è l'assessore lombardo al Welfare Giulio Gallera, riportando i nuovi dati del contagio in diretta Facebook. Il numero dei positivi sale a 32346, ovvero 1643 più di ieri, giorno in cui erano stati 1942. Il numero dei decessi giornalieri è di 296, per un totale di 4178 morti. Sale a 10.026 il numero delle persone non in terapia intensiva (315 in più da ieri) mentre in quest'ultima sono ricoverati 1236 pazienti, con un aumento di 42 unità. "La pressione sui pronto soccorso è in calo e questo dato, che è la voce della trincea, è costante - ha sottolineato Gallera -. Tutti i dati mostrano un trend che è sceso rispetto alla settimana scorsa e ora sono costanti, stiamo su uno scalino più basso".

17:57 - Due odontoiatri morti a Brescia

Due odontoiatri di Brescia, Mario Calonghi e Gabriele Lombardi sono morti dopo essere risultati positivi al Coronavirus. Il totale dei decessi, si apprende dalla Federazione nazionale degli Ordini dei medici (Fnomceo), sale così a 33.

17:21 - Stati Uniti donano forniture e attrezzature mediche

Nell'ambito del programma di assistenza umanitaria dell'Agenzia Usa della Difesa per la Sicurezza e la Cooperazione, l'Esercito americano, in coordinamento con l'ambasciata degli Stati Uniti in Italia, il governo italiano e le autorità della Regione Lombardia, ha donato forniture e attrezzature mediche a sostegno della battaglia contro il COVID-19 nella regione, così duramente colpita dalla pandemia. La 405a brigata di supporto del presidio Usa in Italia ha allestito oggi letti, materassi, barelle, separatori per posti letto, aste regolabili per flebo, sedie a rotelle pieghevoli, armadietti medici e biancheria ospedaliera.

17:09 - Guarita 86enne dopo sette settimane in ospedale

Una donna di 86 anni di Casalpusterlengo ha sconfitto il coronavirus e la sua storia è stata raccontata come messaggio di speranza da Elia Delmiglio, il sindaco del paese lodigiano, fra quelli della prima zona rossa. La paziente, Gianna, aveva contratto il Covid-19 "durante una degenza in ospedale", spiega Delmiglio, e dopo sette settimane di ricovero fra i nosocomi di Casale e Codogno, ieri "ha potuto riabbracciare (purtroppo non fisicamente) la sua famiglia".

16:49 - Carabinieri riportano 102 urne al cimitero di Bergamo

I carabinieri del comando provinciale di Bergamo hanno riportato al cimitero monumentale di Bergamo le urne di 102 defunti le cui salme erano state cremate nei cimiteri delle città di Ferrara, Copparo (Ferrara), Modena e Bologna. Si tratta dei feretri che i mezzi dell'esercito avevano portato via da Bergamo, con due colonne di mezzi, nelle giornate del 18 e 21 marzo scorsi.  

16:28 - Anche nel Lodigiano chiese trasformate in camere mortuarie

Oltre a Bergamo, anche nell'ex zona rossa del Lodigiano due chiese trasformate in camere mortuarie per accogliere le bare di coloro che nelle scorse settimane sono morte per il Coronavirus. A deciderlo sono stati, tra ieri e oggi, Elia Delmiglio e Francesco Passerini, i sindaci rispettivamente di Casalpusterlengo e Codogno, i due comuni con il maggior numero di abitanti nell'area dove è stato accertato il primo caso di Covid-19 e dove ora l'infezione è rallentata essendo stata la prima in tutta Italia ad essere isolata.

16:27 - Appello di 81 sindaci del Milanese: "Tamponi a chi ha sintomi"

"E’ tardi, bisogna fare presto ma siamo ancora in tempo". È l’appello che ottantuno sindaci della città metropolitana di Milano rivolgono alla Regione Lombardia. “Serve un cambio di strategia”, scrivono in una lettera congiunta. E propongono la soluzione: occorre attivare una strategia di “sorveglianza attiva" a casa di chi ha sintomi ma non è stato ricevuto in ospedale.

16:18 - Bertolaso ricoverato al San Raffaele di Milano

Guido Bertolaso, ex capo della protezione civile, è stato ricoverato all'ospedale San Raffaele di Milano. La notizia è stata comunicata da fonti della Regione Lombardia dopo che ieri lo stesso Bertolaso aveva annunciato di avere la febbre e di essere risultato positivo al Coronavirus. A quanto si apprende, è al San Raffaele da ieri e le sue condizioni sono rimaste stabili nelle ultime 24 ore, non ci sono stati peggioramenti. Secondo quanto riferiscono fonti a lui vicine, ha qualche linea di febbre. È stato sottoposto a una lastra ai polmoni, che sono risultati 'puliti'. È tenuto sotto osservazione con esami frequenti e trascorrerà al San Raffaele la quarantena.

16:13 - Morta dirigente medico dell'Ats di Bergamo

Vincenza Amato, dirigente medico responsabile dell’U.O.S. Igiene Sanità Pubblica del Dipartimento di Igiene e Prevenzione Sanitaria dell'Ats (ovvero l'ex Asl) di Bergamo, è morta a causa del coronavirus. Era ricoverata all'ospedale di Romano di Lombardia. "Tutti gli operatori sanitari che hanno lavorato con lei in questi anni nella sede di Bergamo/Borgo Palazzo e, prima ancora, molti anni fa al Settore Igiene e Prevenzione di Treviglio-Romano di Lombardia - spiega una nota dell'azienda Tutela della Salute -, la ricordano con grande affetto e tenerezza dal punto di vista umano, e con autentica stima".  

15:34 - Centri antiviolenza, prosegue l'attività ma 'a distanza'

I centri antiviolenza lombardi e i relativi sportelli "proseguiranno le attività" anche se 'a distanza', tramite telefono, mail, videochiamate, messaggi, garantendo tutti i servizi di supporto alle donne e la reperibilità telefonica 24 ore su 24 sui numeri dedicati. In caso di necessità di contatto diretto con la donna, questo dovrà avvenire rispettando le misure di sicurezza imposte dalla normativa, ovvero distanza di un metro e dispositivi di protezione. Sono le queste le indicazioni stabilite dalla Regione Lombardia nell'ambito dell'emergenza coronavirus e a cui dovranno attenersi tutti i 51 centri antiviolenza della rete regionale.
"La violenza contro le donne non si ferma neanche in tempi di Coronavirus - assicura l'assessore regionale alla Famiglia Silvia Piani - anzi, dovendo rispettare la prescrizione di stare a casa, vittime e maltrattanti passano più tempo insieme e questo genera situazioni potenzialmente pericolose. Le case diventano prigioni e le donne maltrattate devono sapere che possono sempre contare su un aiuto esterno, che possono contattare con diverse modalità e a qualsiasi ora del giorno".

15:30 - Atteso a Malpensa terzo gruppo di medici dalla Cina

È previsto per le 16.28 sulla pista dell'aeroporto di Malpensa l'atterraggio del Boeing 777-300Er della China Eastern proveniente da Fuzhou. Il volo trasporta il terzo gruppo di esperti medici cinesi in arrivo per assistere l'Italia nella lotta contro il Covid-19 e istituito dalla provincia del Fujian. Si tratta di 14 specialisti in diverse branche tra cui medicina cardiovascolare, medicina respiratoria, infettivologia, epidemiologia, medicina cinese e assistenza infermieristica. Il team di esperti ha portato con sé dispositivi per assistenza medica donati dalla provincia del Fujian e attrezzature di urgente necessità tra cui 30 ventilatori, 20 set di monitor, 3.000 indumenti protettivi, 20mila mascherineN95, 300mila mascherine chirurgiche e 3000 mascherine di isolamento, insieme a farmaci di medicina tradizionale cinese.

14:20 - Due decessi in una casa di riposo a Chiavenna

Due anziani risultati positivi, che erano ospiti in una casa di riposo a Chiavenna, sono deceduti. A darne notizia sulla pagina Facebook del Comune è stato il sindaco della cittadina, Luca Della Bitta. Nei giorni scorsi nella struttura sono risultati positivi due operatori. Il primo cittadino nel dare notizia oggi dei due decessi ha tenuto a ringraziare pubblicamente per lo sforzo che sta compiendo l'intero personale in servizio nell'ospizio. A Chiavenna, al momento, i pazienti Covid-19, compresi i due deceduti, sono cinque, mentre sono 35 le persone in isolamento obbligatorio perché entrate a contatto con casi positivi.  

13:31 - Fontana: "Rallentamento costante dei contagi"

"La sensazione di rallentamento nei contagi si può definire costante". Lo ha detto il presidente della Lombardia Attilio Fontana in conferenza stampa aggiungendo che "non dobbiamo mollare la presa ma dare motivi in più" per andare avanti. "Se alzassimo il piede - ha sottolineato - sarebbe un disastro". Fontana ha poi annunciato che arriverà questa sera alle 19 dalla Russia un contingente di 150 medici, operatori sanitari e sanificatori che lavorerà nell'ospedale da campo a Bergamo.

13:30 - Pazzali: "Rispetteremo i tempi per l'ospedale in Fiera"

"Sarà un ospedale temporaneo, speriamo che duri poco, ma sarà una diga che sarà pronta in pochi giorni, tra pochi giorni consegneremo il primo modulo. Oggi è il sesto giorno di cantiere e contiamo di rispettare gli impegni che ci siamo presi - ha detto a Sky TG24 Enrico Pazzali, presidente della fondazione Fiera Milano -. Oltre 200 persone al giorno lavorano su tre turni, in 24 ore”. La struttura avrà circa 250 posti letto, “I posti letto saranno circa 250: "Stiamo finalizzando il layout perché il progetto è dinamico, in particolare un padiglione ospiterà circa 145 letti di terapia intensiva", ha spiegato.  

13:15 - F. Sala: "Mobilità in Lombardia al 37%"

La mobilità in Lombardia è in calo e oggi è al 37% rispetto a un giorno normale. A riferirlo è il vicepresidente della Regione, Fabrizio Sala, intervenuto ai microfoni di Sky TG24. Il dato, ha spiegato, “è diminuito di sei punti rispetto al lunedì della settimana precedente, quando era al 43%. Sala ha poi annunciato che "in Lombardia sono sospesi senza interessi tutti i tributi regionali fino al 30 maggio".

12:08 - Organizzano grigliata di compleanno: denunciati a Madesimo

I carabinieri, in perlustrazione per verificare il rispetto delle normative sul contenimento al Coronavirus, hanno sorpreso una comitiva di lombardi che, davanti a una baita a Madesimo, in Valtellina, stava facendo una grigliata per festeggiare un compleanno. Sei le persone denunciate.

11:09 - A Cremona controlli con il drone

Sono partiti ieri i primi controlli con i droni da parte della polizia locale di Cremona per verificare il rispetto delle norme contro il contagio da coronavirus. Controlli che via via si stanno allargando anche alle agli altri Comune della Lombardia. Con il drone è stato monitorato l'argine maestro e tutta l'area del Parco del Po, cosa che ha permesso, ha riferito La provincia di Cremona, di fermare due ciclisti che erano usciti senza un valido motivo.

10:58 – Intesa Sanpaolo dona 50mila euro per Bergamo

Intesa Sanpaolo contribuisce con 50.000 euro alla raccolta fondi "Abitare la Cura" avviata da L'Eco di Bergamo, Caritas diocesana e Confindustria Bergamo, per identificare e adeguare dei luoghi di sollievo all'accoglienza dei pazienti affetti da coronavirus, quando non è possibile tornare a casa in sicurezza ed è più prudente restare in una struttura organizzata, ad esempio in hotel, case di riposo e case comunitarie. "Abbiamo aderito senza esitazione - commenta Stefano Barrese, responsabile della Banca dei territori di Intesa Sanpaolo – Un segnale che testimonia la nostra presenza e partecipazione accanto alla società civile, alle imprese e alle famiglie di questo territorio". Questo intervento si aggiunge ai 350.000 euro già versati alla Fondazione Ana onlus, per accelerare i tempi di realizzazione dell'ospedale da campo degli alpini e ai 100 milioni già destinati alla Protezione civile, che raggiungeranno presto le zone più colpite in tutta Italia, come la Lombardia.

10:32 - Bergamo, figlia lancia allarme: “Non so dov'è la salma di papà”

"Ho perso in un solo giorno mio padre e mio nonno senza neppure sapere dove siano adesso i loro corpi", a raccogliere lo sfogo di Elena Gabbiadini è il quotidiano Il Giorno. Lei vive a Cerro Maggiore, nel milanese, la famiglia invece a Stezzano, in provincia di Bergamo. Il nonno Elia, di 96 anni, è stato trovato morto in casa il 16 marzo, alla sera è deceduto il papà Claudio di 70 per "una forte crisi respiratoria". La provincia di Bergamo da giorni fatica a gestire il numero di decessi e di feretri. Sono state aperte camere mortuarie nelle chiese, l'esercito trasporta poi le bare in forni crematori fuori regione. Ed è questo che è successo ai suoi cari. I due corpi sono stati portati all'interno del cimitero. "Dopo qualche giorno le bare - racconta Elena - sono state portate in una chiesa di Bergamo e da allora non ne sappiamo più nulla. Ci hanno detto che verosimilmente sono state spostate dall'esercito per la cremazione". "Io mi auguro che un domani davanti alla lapide di mio padre io possa davvero sperare che sotto ci sia sepolto lui o quello che ne rimane" ha aggiunto.

9:19 – Oggi l'avvio dell'ospedale da campo di Crema

Da oggi comincia il graduale avvio dell'ospedale da campo di Crema (FOTO), lo ha confermato il sindaco, Stefania Bonaldi. L'ospedale sarà gestito da Esercito, Asst Crema e dalla cosiddetta Brigata Cubana, costituita da medici e infermieri giunti appositamente dal Paese del Centro America. "Da oggi graduale avvio della struttura, che ha 32 posti, di cui tre terapie intensive, con integrazione fra operatori sanitari italiani e cubani", ha annunciato il primo cittadino.

8:36 – Gallera: “Accessi in calo nei pronto soccorso”

"In tutta la regione c'è stata nel weekend, ed è stata confermata lunedì, una riduzione della pressione, cioè del numero di accesi nei pronto soccorso. Questo è un dato abbastanza costante, magari è lieve però c'è e questa è la cosa che a noi interessa di più", ha spiegato l'assessore lombardo al Welfare, Giulio Gallera, in collegamento con Agorà. "I dati statistici, i numeri che un giorno ci fanno esultare e l'altro preoccupare, li prendiamo in considerazione, ma la voce della trincea è tutto sommato positiva", ha aggiunto Gallera.

8:16 - Il sindaco di Brescia: “Contagiati e morti sono più dei dati”

"Nella nostra provincia i contagi sono molto di più rispetto a quelli che ci dicono e così i morti. Tanti sono malati in casa e non sappiamo come stanno", ha detto il sindaco di Brescia, Emilio Del Bono. "Oggi ho perso un amico e la situazione nella nostra provincia è molto difficile. I numeri non calano e ora mancano medici e infermieri" ha aggiunto il primo cittadino che ieri si è recato con il Vescovo di Brescia al cimitero monumentale dove sono state benedette le bare dei morti.

7:45 – Fontana: “Produrremo mascherine in Lombardia”

"Grazie alla capacità dei nostri imprenditori e del Politecnico abbiamo creato delle mascherine che sono state giudicate idonee dall'Istituto superiore della sanità e dovrebbero entrare in produzione fra pochi giorni", ha affermato il presidente della Regione Lombardia, Attilio Fontana su Rai3. "Quando tutte le nostre aziende saranno autonome e riusciranno a fare la produzione piena - ha aggiunto - saremo autosufficienti. Speriamo di finire il contagio così le venderemo al resto del Paese".

7:33 - Fontana, rispetteremo tempi per l'ospedale in Fiera Milano

"Saranno rispettati i tempi" per la realizzazione dell'ospedale della Fiera di Milano, ha detto il presidente della Regione Lombardia, Attilio Fontana, ringraziando ancora per il suo impegno Guido Bertolaso, risultato positivo al Covid-19. Il governatore ha ricordato che c'è comunque una struttura che garantirà il rispetto dei tempi.

Data ultima modifica 25 marzo 2020 ore 19:01

Leggi tutto
Prossimo articolo
Segui Sky TG24 sui social:

SCELTI PER TE

    Aggiungi Sky TG24 al tuo Homescreen

    Clicca l'icona e seleziona

    "Aggiungi a Schermata Home"

    Aggiungi Sky TG24 al tuo Homescreen

    Clicca l'icona e seleziona

    "Aggiungi a Home"