Milano, poliziotti si fingono antennisti e arrestano pusher di shaboo

Lombardia

Gli agenti del commissariato Comasina sono risaliti alla donna seguendo i movimenti di un giovane di 23 anni, arrestato lo scorso 21 settembre per spaccio dopo essere stato sorpreso con tre grammi di sostanza stupefacente

Arrestata a Milano una donna di 39 anni, accusata di detenzione di 30 grammi di shaboo, la metanfetamina con effetti dieci volte più potenti della cocaina. La filippina, senza permesso di soggiorno e con precedenti per droga, nascondeva in casa sette grammi di shaboo e 30 dosi da 0,1 grammi, oltre a duemila euro in contanti. Per entrare nell'abitazione gli agenti di polizia si sono presentati vestiti da antennisti, dicendo di essere impegnati in una serie di verifiche tecniche nel condominio. 

L'arresto

I poliziotti del commissariato Comasina sono risaliti alla donna seguendo i movimenti di un connazionale di 23 anni, arrestato lo scorso 21 settembre per spaccio dopo essere stato sorpreso con tre grammi di shaboo in via Gandiano. Gli investigatori hanno notato che il giovane era solito frequentare un appartamento in piazza Pompeo Castelli, in zona Villapizzone, dove poi è stata trovata la droga durante il blitz.

Milano: I più letti