Milano, ferisce militare davanti a Stazione Centrale con tagliacarte e urla "Allah Akbar"

Lombardia
Foto di Archivio

Al caso sta lavorando anche il Nucleo informativo dei carabinieri per verificare se l'aggressione sia o meno di matrice terroristica

In piazza Duca d'Aosta, all'esterno della stazione Centrale di Milano, il caporale scelto dell'esercito, Matteo Toia, 34 anni, è stato ferito al collo con due colpi di tagliacarte. E' successo poco prima delle 11 di oggi. L'aggressore è Mahamad Fathe, 23enne yemenita, che è stato fermato poco dopo da una pattuglia dei carabinieri di passaggio. Il primo a bloccare l'aggressore con un placcaggio è stato un 52enne senegalese. Ieri notte, intorno alle 2, il 23enne era stato già denunciato perché si aggirava con una penna e cercava di colpire alcune persone, sempre vicino alla Stazione Centrale.

L'uomo ha urlato "Allah Akbar"

Mentre veniva bloccato, l'uomo ha urlato "Allah Akbar". Al caso sta lavorando anche il Nucleo informativo dei carabinieri per verificare se l'aggressione sia o meno di matrice terroristica. L'uomo è stato arrestato su disposizione del pm di turno, Luca Gaglio, per lesioni e violenza a pubblico ufficiale. La Procura chiederà la convalida dell'arresto al gip e la custodia cautelare in carcere per l'aggressore.

Ferita non grave

Il soldato è stato sorpreso alle spalle, ma la ferita non sarebbe grave ed è stato medicato sul posto. Al momento non si conoscono le cause dell'aggressione. Il militare è stato portato in codice verde all'ospedale Fatebenefratelli. Il pool antiterrorismo di Milano, guidato dal pm Alberto Nobili, sta facendo accertamenti sulla vicenda.

Milano: I più letti

Arriva sempre primo

Ricevi le notizie più importanti di politica, mondo, cronaca, spettacolo, le analisi e gli aggiornamenti. Per accettare le notifiche devi dare il consenso.

Hai attivato le notifiche di sky tg24