Tenta di uccidere moglie e figlia nel Bresciano: "Sono pieno di debiti"

Lombardia
Foto di Archivio (ANSA)

L'uomo di 59 anni, agricoltore di professione, ha confermato di avere dei problemi economici con debiti per circa 100mila euro. "Volevo liberare tutta la famiglia da questo problema", ha detto

"Volevo uccidere la mia famiglia e poi dare fuoco a casa e farla finita l'ho vista come unica soluzione per i miei problemi economici". Sono queste le parole pronunciate in carcere, durante l'interrogatorio di convalida dell'arresto, da Giuseppe Vitali. L'uomo lunedì 15 luglio a Coccaglio, in provincia di Brescia, ha tentato di uccidere a martellate la moglie Denise e la figlia 21enne Giulia. Il 59enne, agricoltore di professione, ha confermato di avere dei problemi economici con debiti per circa 100mila euro. "Volevo liberare tutta la famiglia da questo problema" ha spiegato in lacrime l'uomo durante l'interrogatorio in carcere.

Milano: I più letti

Arriva sempre primo

Ricevi le notizie più importanti di politica, mondo, cronaca, spettacolo, le analisi e gli aggiornamenti. Per accettare le notifiche devi dare il consenso.

Hai attivato le notifiche di sky tg24