Tangenti in Lombardia, indagato: "Caianiello mi disse di versare"

Lombardia
Foto di Archivio (Agenzia Fotogramma)

Giuseppe Filoni, amministratore di un ente pubblico varesino, lo ha messo a verbale dopo essere stato interrogato lo scorso 10 maggio nell'ambito dell'indagine della Dda di Milano su un presunto sistema corruttivo

Gioacchino Caianiello, l'influente esponente di Forza Italia a Varese e in Lombardia, avrebbe chiesto a Giuseppe Filoni, amministratore di un ente pubblico varesino "di fare due versamenti" uno a Leonardo "Martucci, perchè è il contabile a Gallarate del partito di Forza Italia e un altro ad Agorà", la società presieduta dallo stesso Caianeillo. Lo ha messo a verbale lo stesso Filoni, interrogato lo scorso 10 maggio nell'ambito dell'indagine della Dda di Milano su un presunto sistema corruttivo.

Le dichiarazioni

Filoni ha poi spiegato: "Caianiello indica dei suoi uomini a capo delle società pubbliche o negli incarichi di assessorato. Poi tutte le nomine che avevano per il tramite degli uomini che lui indicava politicamente prevedevano la regola del pagamento a Caianiello o in alcuni casi il versamento ad Agorà di una percentuale dell'importo dell'incarico, mentre le persone che lui contribuiva a far nominare ricevevano in cambio lo stipendio". In un altro punto del'interrogatorio Filoni ha affermato di non saper "dire se in relazione a tutti gli incarichi Caianiello percepiva il 10%" la cosiddetta "decima" "oppure semplicemente il versamento di una percentuale a Agorà o al partito di Forza Italia".

Milano: I più letti

Arriva sempre primo

Ricevi le notizie più importanti di politica, mondo, cronaca, spettacolo, le analisi e gli aggiornamenti. Per accettare le notifiche devi dare il consenso.

Hai attivato le notifiche di sky tg24

Fai login per ottenere il meglio subito

Accedi con il tuo Sky ID o registrati in pochi istanti.