Milano, striscione "Restiamo umani" a comizio sovranista. Su balcone uomo vestito da Zorro

Lombardia

Lo striscione è stato fatto togliere. L'uomo vestito da Zorro è apparso con una spada di plastica in mano. Il vicepremier Salvini: "Adoro Zorro, le cose scherzose mi piacciono"

Durante la manifestazione organizzata da Matteo Salvini in piazza del Duomo a Milano (IL LIVEBLOG) è stato srotolato uno striscione lungo cinque metri con la scritta 'Restiamo umani' in italiano e in inglese. Lo striscione è stato tolto dalle forze dell'ordine. Sul balcone da cui è stato srotolato è comparso un uomo vestito da Zorro con una spada di plastica in mano (LE FOTO). L'episodio è stato commentato dal leader della Lega, che ha detto: "Io adoro Zorro, non mi piacciono le minacce di morte ma viva Zorro, mi piace Zorro ovunque e avevo dato indicazioni di lasciare tutti al loro posto ovviamente tranne quelli offensivi. Le cose finché sono scherzose mi piacciono".

La contestazione

Appena tolto lo striscione, un gruppo di contestatori ha urlato "Vergogna vergogna siamo tutti antifascisti, Zorro libero" e ha invitato Marine Le Pen, in quel momento sul palco per il suo intervento, a tornare in Francia gridando "fascista torna a la maison".

Ritirato un altro striscione prima del comizio di Salvini

Un altro striscione con la scritta 'Salvini Milano città aperta', esposto da due donne, è stato ritirato dagli agenti della Digos che lo hanno fatto rimuovere poco prima dell'intervento del leader della Lega. In piedi sul muretto di un'uscita della fermata della metropolitana, le due contestatrici hanno mostrato per qualche minuto il lenzuolo prima dell'arrivo degli agenti. Dopo aver provato a resistere, sostenendo di aver diritto a manifestare in quel modo, le donne sono scese dal muretto ritirando lo striscione e consegnando agli agenti l'asta di legno con cui lo sorreggevano.

Milano: I più letti