Scala, Fontana: “Su fondi sauditi comportamento di Pereira da licenziamento”

Lombardia
Foto di archivio (Agenzia Fotogramma)

Il sovrintendente della Scala Alexander Pereira avrebbe accettato tre milioni prima che il Cda si riunisse. Il ministro dei Beni Culturali Bonisoli: “In atto una verifica” 

Il comportamento del sovrintendente della Scala Alexander Pereira, che avrebbe accettato fondi sauditi (tre milioni più centomila euro per l'Accademia) prima che il Cda si riunisse "provocherebbe il suo licenziamento", "in qualunque Cda, a qualsiasi latitudine". Questa la posizione del presidente della Lombardia Attilio Fontana che è tornato sulla vicenda del finanziamento dell'Arabia Saudita arrivato a fine febbraio. Sulla questione dei fondi sauditi alla Scala è intervenuto anche il ministro dei Beni Culturali Alberto Bonisoli, a margine del suo incontro al BookPride, la fiera degli editori indipendenti in corso a Milano dicendo: "È in atto una verifica di alcuni aspetti. Domani se ne parlerà in Cda: aspettiamo di sapere cosa ci racconterà il consiglio di amministrazione".

Il comunicato

Il presidente Fontana, inoltre, dopo le notizie, apparse sui giornali, che parlano di fondi depositati su un conto in accordo con la Regione, ha voluto precisare la sua estraneità alla vicenda. "Il signor Alexander Pereira - ha detto il governatore in un comunicato - non mi ha consegnato alcuna documentazione che facesse riferimento al versamento di tre milioni da lui ricevuto dai Sauditi. Ne ha fatto cenno per la prima e unica volta, e quasi involontariamente ("...forse adesso dovrò rimandare indietro i soldi!"), durante la conversazione avvenuta nel mio ufficio il pomeriggio dell'8 marzo scorso. Nonostante la sorpresa e l'irritazione, ho ritenuto di non rendere pubblica in quel momento tale informazione, per rispetto della principale istituzione musicale del Paese e per tenere fede alla consegna del silenzio fino alla seduta del Cda scaligero". A questo punto, però, Fontana ha deciso di intervenire. "L'attuale sovrintendente della Scala confonde le tardive e superficiali informazioni che mi ha dato con un presunto consenso, né richiesto, né tanto meno dato - ha aggiunto -. Una cosa di tutta questa vicenda è chiara: l'attitudine di Pereira a creare confusione per coprire la preoccupante disinvoltura con cui ha gestito la politica culturale della Scala e la sua immagine nel mondo". "Ancora più grave - ha concluso il presidente - è il fatto di aver comunque accettato dei fondi a prescindere dalle decisioni del Cda e addirittura prima che questo si riunisse. In qualunque Cda, a qualsiasi latitudine, questo comportamento provocherebbe il suo licenziamento".

Milano: I più letti

Arriva sempre primo

Ricevi le notizie più importanti di politica, mondo, cronaca, spettacolo, le analisi e gli aggiornamenti. Per accettare le notifiche devi dare il consenso.

Hai attivato le notifiche di sky tg24

Fai login per ottenere il meglio subito

Accedi con il tuo Sky ID o registrati in pochi istanti.