Entra a Messa gridando “Allah”, sindaco e ragazzi lo buttano fuori

Lombardia
Foto di archivio (Fotogramma)
Fotogramma_Carabinieri

Attimi di paura per i fedeli riuniti in chiesa a Maclodio, nel Bresciano, per la Messa di Natale di mezzanotte, per qualche istante si è temuto che l'uomo fosse armato 

Paura durante la Messa di Natale a Maclodio, paese di 1500 persone nel Bresciano. Durante la lettura del Vangelo un uomo di origini marocchine, visibilmente alterato, è entrato in chiesa gridando il nome di Allah e pronunciando frasi in arabo. Nei primi istanti, i presenti hanno temuto che l'uomo fosse armato perché teneva una mano dietro la schiena, ma per fortuna l'uomo non aveva armi con sé. Alcuni ragazzi lo hanno spinto fuori anche con l'aiuto del sindaco che ha chiamato i carabinieri. L'uomo, un 35enne già noto alle forze dell'ordine, è stato portato in caserma dai militari. Il 35enne da sei mesi aveva lasciato Maclodio per andare a vivere a Travagliato da dove nella sera di lunedì 24 dicembre è partito, in sella alla sua bicicletta, per raggiungere la chiesa dove, a mezzanotte, si stava celebrando la Messa di Natale. 

Milano: I più letti

Arriva sempre primo

Ricevi le notizie più importanti di politica, mondo, cronaca, spettacolo, le analisi e gli aggiornamenti. Per accettare le notifiche devi dare il consenso.

Hai attivato le notifiche di sky tg24

Fai login per ottenere il meglio subito

Accedi con il tuo Sky ID o registrati in pochi istanti.