Pianta di Begonia, come coltivarla e curarla passo per passo

Lifestyle
@Pixabay

Dotata di rara bellezza e di un fogliame particolare, la begonia è una pianta erbacea da fiore perfetta per essere coltivata sia in casa che all’aperto

La pianta di begonia fa parte della famiglia delle Begoniaceae ed è formata da moltissime specie, comprese le varietà ibride. Particolare, bella e molto profumata, la begonia cresce in modo spontaneo in America del Sud, Cina, Africa, India e Molucche. La sua pianta può raggiungere fino a 50 cm in altezza e il fogliame è molto decorativo, con una caratteristica forma a cuore. Il suo fusto è molto carnoso e cespitoso, per poter mantenere più a lungo l’acqua al suo interno.

Tra le principali specie presenti in Italia, troviamo sicuramente la Begonia Pendula, tipicamente utilizzata come pianta decorativa di appartamenti e terrazze, dove è spesso coltivata all’interno di modaioli cestini sospesi. Questa varietà non necessita di copiose annaffiature in inverno, mentre nella stagione estiva è utile aumentarle per mantenere il terreno umido e morbido.

La fioritura

approfondimento

Oleandro in vaso, come coltivarlo e potarlo

La pianta di begonia ha una fioritura annuale e i suoi fiori vantano una grande varietà di sfumature: rosa, rosso, salmone, giallo, arancio e bianco sono i suoi colori tipici, che regalano alla casa un aspetto fresco e colorato. La sua struttura è monoica, ovvero i fiori femminili e quelli maschili sono collocati sulla stessa pianta, ma sono diversi. I primi sono composti da 4 tepali uguali, mentre gli ultimi sono formati da 4 tepali con due coppie di dimensioni differenti e sono più vistosi.

La coltivazione

approfondimento

Passiflora caerulea, coltivazione e cura del rampicante sempreverde

La begonia può essere coltivata sia in vaso che in terra. La collocazione migliore è in una zona di mezz'ombra se la fioriera si trova all’esterno. Sul suo fondo deve essere posizionato uno strato di terriccio formato da argilla, per permettere al terreno un drenaggio migliore, ma è necessario cercare di evitare la creazione di ristagni. Il substrato deve essere sempre umido e le annaffiature devono essere costanti e abbondanti. Prima della fioritura della pianta è bene procedere con una concimatura.

Per quanto riguarda la coltivazione in terra, invece, la begonia può essere posizionata in una zona priva di erbacce e sassi, ma ricca di stallatico maturo, per rendere il terreno più fertile. I bulbi dovranno essere interrati a 3 cm circa di profondità, con la parte concava rivolta verso l’alto.

Luce e temperatura ideali

Nonostante sia una pianta molto resistente, la begonia necessita di temperature che oscillano tra i 15 e i 18 gradi per conservarsi al meglio, con una buona presenza di umidità e un frequente ricircolo dell’aria. Inoltre, ha bisogno di ambienti molto luminosi, ma non sopporta i raggi diretti del sole. Se sistemata all’interno o in una veranda, il posto migliore è accanto a una finestra, dove potrà godere della luce filtrata del sole. Al contrario, se la begonia crescerà all’esterno, allora il posto migliore sarà in una zona ombreggiata e riparata.

Annaffiatura e potatura

La begonia necessita di annaffiature abbondanti e regolari, senza creare pericolosi ristagni. Il suo terreno, infatti, deve essere sempre umido e idratato, mentre il fogliame non deve essere bagnato. Durante la stagione invernale l’innaffiatura andrà notevolmente ridotta, cercando di mantenere sempre il terreno sottostante umido.

Non sono richiesti grandi interventi di potatura, ma la semplice eliminazione dei fiori secchi e dei rametti apicali, che solitamente avviene nel mese di marzo.

Lifestyle: I più letti

Arriva sempre primo

Ricevi le notizie più importanti di politica, mondo, cronaca, spettacolo, le analisi e gli aggiornamenti. Per accettare le notifiche devi dare il consenso.

Hai attivato le notifiche di sky tg24