Cesare Pavese, 70 anni fa moriva uno dei più grandi scrittori del XX secolo

Lifestyle
©Getty

È il 27 agosto 1950 quando a Torino muore suicida, a soli 42 anni, lo scrittore, poeta, traduttore e critico letterario autore di romanzi celebri come “La casa in collina” o “La bella estate”, che gli vale il Premio Strega nel 1950

Moriva 70 anni fa, il 27 agosto del 1950, Cesare Pavese. Il letterato piemontese, nato a Santo Stefano Belbo il 9 settembre 1908, è considerato uno dei più grandi intellettuali italiani del XX secolo: scrittore, poeta, traduttore e critico letterario, Pavese ha vinto anche il Premio Strega, proprio due mesi prima della sua morte, con “La bella estate”.

L’infanzia, gli studi e l’arresto

approfondimento

Omaggio a Cesare Pavese, a 70 anni dalla sua morte

Nato a Santo Stefano Belbo, un piccolo paesino delle Langhe in provincia di Cuneo, Cesare Pavese proviene da una famiglia benestante. Nonostante ciò, la sua infanzia è piuttosto difficile e problematica: una sorella e due fratelli maggiori muoiono in giovane età, così la madre decide di affidarlo, appena nato, a una balia del vicino paese di Montecucco salvo poi riprenderlo con sé negli anni successivi. Il padre muore nel gennaio del 1914 quando Cesare ha soltanto 5 anni. Intanto frequenta la scuola elementare a Santo Stefano Belbo ma poi si trasferisce a Torino per le medie e il Liceo Classico dove inizia ad appassionarsi alla letteratura e alla poetica di D’Annunzio. Nel 1926 si diploma e si iscrive alla Facoltà di lettere dell'Università di Torino scrivendo e traducendo anche in inglese grazie alla passione per le opere di Sherwood Anderson, Sinclair Lewis e soprattutto Walt Whitman. È il periodo in cui intensifica la sua attività di traduttore che alterna all’insegnamento della lingua inglese: per un compenso di 1000 lire traduce “Moby Dick” di Herman Melville e “Riso nero” di Anderson. Nel 1934, intanto, prende il posto di Leone Ginzburg, arrestato dalla polizia fascista, alla direzione della rivista “La Cultura” e inizia a collaborare con la casa editrice Einaudi. L’anno successivo, nel 1935, viene arrestato per i suoi rapporti con il gruppo antifascista “Giustizia e Libertà” e viene inviato per un anno a Brancaleone Calabro.

Le opere e il successo letterario

approfondimento

Da Borges a Calvino, il '900 letto sui libri di Kerbaker

È del 1936 la prima importante opera di Cesare Pavese che si intitola “Lavorare stanca”: si tratta di una raccolta di poesie dove sono già evidenti alcuni dei temi semantici che caratterizzeranno anche le produzioni successive. Tra questi, quello della solitudine e quello del silenzio e il suo rapporto di amore e odio nei confronti delle Langhe e dei luoghi della sua infanzia. Nel frattempo inizia a scrivere i racconti che verranno pubblicati postumi, prima nella raccolta "Notte di festa" e poi, nel 1939, completa la stesura del suo primo romanzo breve tratto dall'esperienza del confino intitolato "Il carcere". In quello stesso anno scrive "Paesi tuoi". È la prima opera di narrativa data alle stampe nonché il primo grande successo dello scrittore che viene definitivamente assunto dalla casa editrice Einaudi nel 1942. Durante l'occupazione tedesca si rifugia in un paesedel Monferrato, dalla sorella. Dopo la Liberazione, si iscrive al partito Comunista e comincia a collaborare all'Unità. Sempre nel dopoguerra l’attività letteraria di Pavese prosegue con grande intensità. Sono diverse le opere pubblicate tra le quali spicca “La casa in collina”.

“La luna e i falò” e la vittoria del Premio Strega con “La bella estate”

approfondimento

Veronesi vince lo Strega, i vincitori delle edizioni precedenti. FOTO

Nel 1950 pubblica “La luna e i falò”, romanzo con cui torna ad affrontare il tema della guerra partigiana, già trattato ne “La casa in collina”. In quello stesso anno, a giugno, vince il Premio Strega con “La bella estate”: una raccolta di tre romanzi brevi scritti in tempi diversi e pubblicata da Einaudi nel 1949. Un’opera che comprende “La bella estate” (1940), “Il diavolo sulle colline” (1948), e “Tra donne sole” (1949).

La morte

Il 27 agosto 1950, due mesi dopo aver vinto il Premio Strega, Cesare Pavese muore suicida a Torino. Colpito da un profondo disagio esistenziale e tormentato da una cocente delusione amorosa per via di Constance Dowling, attrice americana di cui lo scrittore era innamorato e alla quale dedicò i versi di “Verrà la morte e avrà i tuoi occhi”, Pavese si toglie la vita in una camera dell'albergo Roma di Piazza Carlo Felice a Torino. Sul tavolino della sua camera viene trovato un libro, “Dialoghi con Leucò”. Sulla prima pagina aveva scritto: “Perdono tutti e a tutti chiedo perdono. Va bene? Non fate troppi pettegolezzi”.

Lifestyle: I più letti