Buon complenno, Gary Oldman: i 60 anni del "trasformista". FOTO

Con il premio Oscar come Miglior attore protagonista per "L'ora più buia", l'attore inglese corona una carriera stellare, al netto di qualche problema di dipendenza e molti matrimoni. LA FOTOGALLERY
  • ©Kikapress.com
    Questo è l'anno di Gary Oldman. Oltre a fare cifra tonda con i suoi 60 anni il 21 marzo, l'attore inglese ha anche conquistato il premio Oscar come Miglior attore protagonista per il suo ruolo in "L'Ora più Buia" - Oscar 2018: Il miglior attore protagonista è Gary Oldman
  • ©Kikapress.com
    Dopo una lunga ed eclettica carriera, Gary Oldman ha stretto finalmente in mano la sua prima, meritata, statuetta grazie all'interpretazione di Winston Churchill. Ci era arrivato vicino già nel 2011 per "La Talpa" - Torna La Talpa e si chiama Gary Oldman
  • ©Getty Images
    Ma la vita di Leonard Gary Oldman non è stata sempre facile. Nato in un quartiere degradato di Londra, vive un'infanzia difficile, con un padre assente e alcolista. Anche Oldman ha poi affrontato l'alcolismo, entrando e uscendo dalle cliniche di riabilitazione - L'ora più buia: Gary Oldman è Winston Churchill
  • ©Kikapress.com
    A soli 17 anni lascia gli studi, abbandona il sogno di diventare un pianista e scopre la passione per la recitazione. Grazie a una borsa di studio intraprende la carriera di attore teatrale e debutta al cinema nel 1982 con "Remembrance", per la regia di Colin Gregg. Ma è col film "Sid e Nancy" che conquista la notorietà (nella foto con Amanda Seyfred in “Cappuccetto Rosso Sangue”) - Cappuccetto Rosso Sangue: Gary Oldman è Padre Solomon
  • ©Getty Images
    Oldman inizia a lavorare con registi di fama internazionale come Stephen Frears nel film "Prick Up - L'importanza di essere Joe". Recita in "Rosencrantz e Guildenstern sono morti", film vincitore del Leone d'oro al miglior film alla 47ª Mostra internazionale d'arte cinematografica di Venezia - Gary Oldman è Winston Churchill ne "L'ora più buia". L'intervista
  • ©Kikapress.com
    Quella di Winston Churchill non è la sola metamorfosi straordinaria della sua carriera. Oldman ha trasformato il suo corpo e il suo accento sullo schermo molte volte, dando vita a personaggi straordinari, come il conte Dracula in "Dracula di Bram Stoker" di Francis Ford Coppola - I Migliori film con i Vampiri
  • ©Getty Images
    Tre figli, 5 mogli (tra cui Uma Thurman) e numerosissimi flirt (tra cui uno con Isabella Rossellini). Ma a pesare di più non sono stati i divorzi, bensì le accuse di violenza domestica denunciati dalla terza moglie Donya Fiorentino e rinnovati dopo la notte degli Oscar (nella foto, con la quinta moglie Gisele Schmidt) - Il potere dei soldi, le curiosità sul film
  • ©Getty Images
    A difendere Oldman dalle accuse è stato il primogenito della coppia, Gulliver, che ha definito le accuse della madre false, "specialmente - scrive - dopo che è stata fatta chiarezza anni fa" (nella foto, con la famiglia ai Bafta 2018) - La lettera aperta di Gulliver Oldman
  • ©Getty Images
    Gary Oldman era legato da un'affettuosa amicizia a David Bowie. L'attore ha dedicato un commosso tributo all'artista durante i Brit Awards 2016, in cui ha ricordato le sfide e la passione di Bowie per la musica - Il discorso di Gary Oldman durante i Brit Awards 2016