Inps: "Respinte 240mila domande per Reddito di cittadinanza nei primi 10 mesi del 2022"

Economia
©IPA/Fotogramma

Sugli 1,29 milioni di richieste di sussidio pervenute da inizio anno fino ad ottobre, sono circa un quinto quelle rigettate dall’istituto pensionistico. Altre 50mila, invece, sono state sospese e sottoposte ad ulteriori controlli. Mancanza di residenza in Italia oppure errate dichiarazioni sulle posizioni lavorative dei familiari le principali criticità  

ascolta articolo

Sono 240mila le domande per il Reddito di cittadinanza respinte nei primi dieci mesi del 2022. A riportarlo è l’Istat, che nel suo ultimo report evidenzia come si tratti di quasi un quinto delle richieste totali di sussidio pervenute. Mancanza di residenza in Italia oppure errate dichiarazioni sulle posizioni lavorative dei familiari le cause principali del diniego. 

I dati

approfondimento

Reddito di Cittadinanza, Messina: "Importante tutelare i più poveri"

Come spiegato dall’Istituto nazionale di previdenza sociale, gli scenari di rischio elaborati e i relativi allarmi attivati hanno permesso di individuare oltre 290mila domande di Reddito a rischio sulle circa 1,29 milioni pervenute da gennaio a ottobre. Di queste, precisa l’Inps, 240mila sono state respinte in automatico per mancanza della residenza nel nostro Paese oppure per false od omesse dichiarazioni sullo stato lavorativo dei componenti del nucleo familiare. Altre 50mila, invece, sono state sospese e sottoposte ad ulteriori controlli. Complessivamente, da quanto si evince da una tabella dell’ente pensionistico, le richieste respinte al 30 settembre 2022 sono 456.331, le 'posizioni' decadute 264.964, quelle revocate 60.523. Il che porta il totale complessivo (dal 2019) a 1.735.195 domande rigettate, 871.491 decadute e 213.593 revocate.

I controlli

approfondimento

Reddito di cittadinanza, il taglio arriva dall'inflazione

“Il sistema dei controlli risulta complesso a causa delle molte amministrazioni coinvolte e della tempistica da rispettare per verificare i requisiti, all'atto della presentazione della domanda", spiega l’Inps. In fase di prima, l'ente si è concentrato “sulla sussistenza dei criteri previsti dalla legge, aggiungendo verifiche ex post a cura delle sedi territoriali in merito alla veridicità delle dichiarazioni", poi ha intensificato “i controlli ex ante nell'ottica di prevenire e individuare i comportamenti opportunistici e fraudolenti". Sono stati, inoltre, individuati scenari di 'rischio potenziale' predefiniti incrociando le informazioni presenti nelle domande e nelle relative dichiarazioni sostitutive uniche con i dati raccolti in archivio. Infine, fa sapere l'Inps, è stata elaborata un'apposita piattaforma informatica che permette alle strutture periferiche di consultare le istanze con indici di rischio selezionati, "così da poter svolgere le opportune verifiche sulle domande sospese e sbloccarne l'esito, se positivo, o avviare le conseguenti azioni di recupero, in caso negativo".

Economia: I più letti