Auto, perché da ottobre è aumentato il prezzo del metano

Economia
©IPA/Fotogramma

In continua crescita il costo del gas per automobili. Diversi i motivi dell'aumento: dall'esaurimento delle scorte europee alla ripresa produttiva asiatica. Il metano è utilizzato anche per il riscaldamento domestico e l'autunno è il momento dell'anno in cui i prezzi salgono, perché si sottoscrivono i contratti di fornitura di gas. Rincari record a Firenze

Ascolta:

Continua ad aumentare il costo del metano. È dall’inizio del mese che il suo prezzo è in crescita e i cambiamenti sono particolarmente visibili per il consumo di metano come gas per auto. In alcune regioni italiane, il suo prezzo è arrivato anche a toccare i due euro al chilo, circa due volte quanto si pagava fino a qualche settimana fa. Diverse le ragioni di questa crescita, dall’esaurimento progressivo delle riserve di gas europee alla grande richiesta di scorte in Paesi come Cina e India.

Perché aumentano i prezzi

leggi anche

Aumento bollette, da aiuti per Pmi a sconti: il vademecum Ue

Anche al di là delle auto, il metano in Italia è prezioso: è utilizzato per produrre circa metà dell’energia. Tutto il gas necessario viene però importato da Paesi produttori esteri, ai quali resta in mano la possibilità di sceglierne il prezzo sulla base della domanda degli Stati importatori. La richiesta di metano in questo momento è alta, per il combinarsi di diversi fattori. Paesi come Cina e India, complice la ripresa produttiva, sono tornati a importare il metano a prezzi alti, condizionando così il suo valore di mercato. A questo si aggiungono, come scrive Altro Consumo, il progressivo esaurimento degli stoccaggi europei, i tagli nelle forniture di gas che arrivano dalla Russia e la sempre più scarsa produzione di gas naturale liquefatto dagli Stati Uniti, rimpiazzata da quella asiatica.

L’anno termico

vedi anche

Putin: "Russia pronta ad aumentare le forniture di gas"

Il metano utilizzato per i veicoli è, essenzialmente, lo stesso che serve per il riscaldamento domestico. È questo il motivo per cui gli aumenti di prezzo si verificano solitamente da inizio autunno, quando comincia quello che viene chiamato “l’anno termico”, momento dell’anno in cui si sottoscrivono i contratti annuali di fornitura del gas. Inoltre, la crescita del prezzo del metano per auto è motivata anche dalla scarsa diffusione dei distributori sul territorio italiano: sono meno di 2mila, contro i 20mila di benzina e gasolio.

 

Il prezzo del metano auto nelle diverse città

leggi anche

Vola il prezzo del gas per auto, cosa sta succedendo

Le stime di giovedì 14 ottobre di Quotidiano Energia segnalano ancora una crescita nel prezzo del metano auto, con un costo compreso tra 1,538 e 1,884 euro al chilo (il gas si misura in chili e non in litri). Stando ai dati riportati dall’Osservatorio del ministero dello Sviluppo economico, in collaborazione con Altro Consumo, il prezzo del metano auto è aumentato, in tre mesi, del 26,3%. La città in cui la crescita è stata più significativa è Firenze, dove si stima addirittura un aumento del 104,6%. Più contenuti i prezzi a Milano, in salita del 32,6%, e Bari, Torino, Venezia e Napoli, dove l’aumento è tra il 17 e il 20%. A Roma, la crescita è stata del 12,7%.

Economia: I più letti

Arriva sempre primo

Ricevi le notizie più importanti di politica, mondo, cronaca, spettacolo, le analisi e gli aggiornamenti. Per accettare le notifiche devi dare il consenso.

Hai attivato le notifiche di sky tg24