Pil, Istat: “Nel 2020 calo dell’8,8%, -2% nel quarto trimestre”

Economia
©Ansa

Le stime sui dati trimestrali grezzi è lievemente migliore delle attese del governo che nella Nota di aggiornamento al Def aveva indicato per l'anno una contrazione del 9%. Rispetto al quarto trimestre del 2019 si registra un -6,6%

Nel 2020 il Pil italiano corretto per gli effetti di calendario è diminuito dell'8,9%, mentre per il Pil stimato sui dati trimestrali grezzi la riduzione è stata dell'8,8% (nel 2020 vi sono state 2 giornate lavorative in più rispetto al 2019). Lo rende noto l'Istat nelle prime stime sull'anno passato. Il dato è lievemente migliore delle attese del governo che nella Nota di aggiornamento al Def aveva stimato per l'anno una contrazione del 9%. Il Pil acquisito per il 2021 - quello che si otterrebbe se la variazione di tutti e 4 i trimestri dell'anno fosse zero - è positivo, pari a +2,3%

Nel quarto trimestre 2020 il Pil segna -2%

leggi anche

Istat, a dicembre 101mila occupati in meno: 99mila sono donne

L’Istat segnala che nel quarto trimestre del 2020 il Pil italiano è sceso del 2% rispetto al trimestre precedente e del 6,6% rispetto al quarto trimestre del 2019. Il consensus degli analisti indicava un calo tra il 2% e il 2,2%.

Nuova contrazione legata alle misure anti-Covid

leggi anche

Italia in deflazione, nel 2020 prezzi in calo dello 0,2%

L'economia italiana, spiega l'Istat commentando i dati, registra, dopo il robusto recupero del terzo trimestre pari a +16%, una nuova contrazione nel quarto "a causa degli effetti economici delle nuove misure adottate per il contenimento dell'emergenza sanitaria. Tale risultato - continua l'Istituto di statistica - determina un ampliamento del calo tendenziale del Pil: da -5,1% del trimestre precedente a -6,6%". Il quarto trimestre ha avuto due giornate lavorative in meno rispetto al trimestre precedente e una giornata lavorativa in più rispetto al quarto trimestre del 2019. La variazione congiunturale è la sintesi di una diminuzione del valore aggiunto in tutti i principali comparti produttivi, ovvero agricoltura, silvicoltura e pesca, industria e servizi. Dal lato della domanda, vi è un contributo negativo sia della componente nazionale (al lordo delle scorte), sia della componente estera netta.

Economia: I più letti

Arriva sempre primo

Ricevi le notizie più importanti di politica, mondo, cronaca, spettacolo, le analisi e gli aggiornamenti. Per accettare le notifiche devi dare il consenso.

Hai attivato le notifiche di sky tg24

Fai login per ottenere il meglio subito

Accedi con il tuo Sky ID o registrati in pochi istanti.