Incentivi auto, bonus rifinanziato e rimodulato: ecco come cambia

Economia

Dopo l’esaurimento dei 50 milioni previsti dal Dl Rilancio, il beneficio è stato riproposto nel Dl Agosto con 500 milioni, 90 dei quali però destinati alle colonnine elettriche. La ripartizione favorisce chi acquista le vetture meno inquinanti e rottama veicoli con più di 10 anni

Riparte, dopo il blocco a causa dell'esaurimento dei fondi, il bonus auto 2020. L'incentivo per l’acquisto di una vettura elettrica, ibrida o a bassa emissione, da agosto a dicembre 2020, era stato previsto dal Dl Rilancio. Un’operazione finanziata con 50 milioni di euro per ridare ossigeno al settore dopo l’emergenza coronavirus (GLI AGGIORNAMENTI LIVE - LO SPECIALE). Lo stanziamento si è però esaurito in pochi giorni, è stato così necessario rimodulare e rifinanziare il bonus nel Dl Agosto con 500 milioni, 90 dei quali però sono destinati a un fondo per favorire l’installazione di colonnine di ricarica elettrica.

Come cambia l’incentivo

approfondimento

Bonus tracker, dalla cassa integrazione al bonus vacanze

 

L’entità del contributo è stato riparametrato, in base alle emissioni e a seconda che venga rottamato (o meno) un’auto con oltre dieci anni di vita. Riceveranno un incentivo più alto coloro che rottameranno un vecchio veicolo e che contestualmente acquisteranno una vettura a basse emissioni. In sostanza, l’ecobonus auto viene confermato per tutte le vetture tra 0 e 110 grammi per Km di Co2, ma la fascia più alta (tra 61 e 110 grammi) viene divisa in due, aumentando l'agevolazione per la parte da 61 a 90 grammi. 

Le fasce dell’ecobonus auto

vedi anche

Bonus Pc e tablet: come funziona e come richiederlo. FOTO

 

Dall’incentivo di 1.500 euro con rottamazione previsto per l'acquisto di veicoli con emissioni da 61 a 90 grammi si passa a 1.750 euro, mentre rimane un beneficio di 1.500 euro per quelle tra 91 e 110 grammi per km di Co2. Senza rottamazione, si avranno invece 1.000 euro per le vetture tra 61 e 90 grammi, lasciando i già previsti 750 euro solo per le emissioni più alte, tra 91 e 110 grammi di Co2.

Gli altri sconti previsti

approfondimento

Le Faq sul Superbonus 110%, dalla prima casa alle caldaie. FOTO

 

La norma prevede esplicitamente che il venditore, da parte sua, aggiunga uno sconto pari a 2.000 euro nel caso di rottamazione, e di euro 1.000 nel caso di assenza di rottamazione. A questi vanno aggiunti anche altri incentivi già previsti da precedenti misure per l’acquisto di veicoli a basso impatto ambientale. Per le auto della fascia 0-20 può arrivare a un incentivo massimo di circa 8.000 euro.

Economia: I più letti