Esplora Sky TG24, Sky Sport, Sky Video

Def, commissione Ue: deviazione significativa, grave preoccupazione

3' di lettura

Nella lettera il vicepresidente Dombrovskis e il responsabile degli affari economici Moscovici chiedono al governo di presentare la legge di bilancio “in conformità con le regole fiscali comuni”. Fonti P.Chigi: nessuna bocciatura, convinti della bontà della manovra

Dura reazione dell’Ue al Def presentato dal governo Conte: il vicepresidente della Commissione Valdis Dombrovskis e il commissario agli Affari economici Pierre Moscovici hanno detto che i nuovi obiettivi di bilancio fissati dalla nota di aggiornamento del Def costituiscono "a prima vista" una "deviazione significativa" dal percorso di aggiustamento raccomandato all'Italia e questo "è una fonte di grave preoccupazione". (COS'E' IL RAPPORTO DEFICIT/PIL). Fonti di Palazzo Chigi hanno replicato che non c'è stata alcuna bocciatura formale, e che il Governo rimane convinto della bontà della manovra.

“Presentare manovra in conformità con le regole”

I due commissari, nella lettera di risposta a Giovanni Tria dopo la presentazione della nota di aggiornamento del Def, hanno chiesto che il progetto di legge di bilancio, che dovrà essere presentato entro il 15 ottobre, sia "in conformità con le regole fiscali comuni".

Le raccomandazioni all’Italia

Nella lettera a Tria, Dombrovskis e Moscovici ricordano che "la raccomandazione rivolta all'Italia" sulla base delle regole previste dal patto di Stabilità erano state convalidate unanimemente dal Consiglio europeo del 28 giugno del 2018 e adottate dall'Ecofin del 13 luglio 2018 "incluso dall'Italia". Il riferimento è al fatto che il via libera alle raccomandazioni all'Italia è stato dato anche dal presidente del Consiglio, Giuseppe Conte, al vertice di fine giugno, e dallo stesso ministro dell'Economia, all'Ecofin del mese successivo.

Attesa per la legge di bilancio

"Anche se in attesa del progetto di legge di bilancio, prendiamo nota delle intenzioni del governo nell'aggiornamento del Def di rivedere i suoi obiettivi di bilancio per il 2019-2020 (puntando a un deficit nominale rispettivamente del 2,4%, 2,1% e 1,8% di Pil) e di deviare dalla convergenza precedentemente annunciata verso l'obiettivo di medio termine (Mto) dell'Italia di un pareggio di bilancio in termini strutturali", si legge nel testo della lettera, che si chiude con la disponibilità della Commissione a intavolare un dialogo costruttivo con il governo italiano.

Fonti Palazzo Chigi: nessuna bocciatura, convinti della bontà della manovra

In tarda serata è arrivata una prima risposta del governo italiano: fonti di Palazzo Chigi, citate dall’Ansa, hanno fatto presente che “non c'è stata alcuna bocciatura da parte dell'Ue, anche perché non è stata ancora avviata - né poteva essere – alcuna interlocuzione formale. La valutazione della Commissione Ue, si ricorda, avverrà in base al documento "draft budgetary plan" che sarà inviato dal Governo italiano entro il 15 ottobre".
Le stesse fonti hanno fatto sapere all’agenzia di stampa che il Governo rimane fortemente convinto della bontà delle misure che andranno a costituire la manovra economica, e  altrettanto forte è la volontà ad avviare un dialogo costruttivo con l'Ue.

Data ultima modifica 05 ottobre 2018 ore 23:54

Leggi tutto
Prossimo articolo
Segui Sky TG24 sui social:

SCELTI PER TE

    Aggiungi Sky TG24 al tuo Homescreen

    Clicca l'icona e seleziona

    "Aggiungi a Schermata Home"

    Aggiungi Sky TG24 al tuo Homescreen

    Clicca l'icona e seleziona

    "Aggiungi a Home"