Dieci anni dal naufragio della Costa Concordia, chi erano le 32 vittime

Cronaca
©Ansa

Il padre con la figlia di cinque anni, amiche, mariti e mogli, musicisti, camerieri: nell'incidente del 13 gennaio 2012 molti persero la vita allo stesso modo, non trovando posto sulle scialuppe del lato sinistro della nave e costretti a una fuga fatale verso il lato destro. Ecco alcune delle loro storie

Il 13 gennaio del 2012, nel naufragio della Costa Concordia a largo dell'Isola del Giglio, morirono 32 persone tra passeggeri e membri dell'equipaggio. Venivano da Francia, Germania, Spagna, Ungheria, Perù, Stati Uniti, India e Italia. La vittima più giovane, Dayana Arlotti, aveva 5 anni. Ecco alcune delle storie di chi perse la vita nell'incidente avvenuto dieci anni fa (LO SPECIALE DI SKY TG24 - IL RACCONTO IN 25 FOTO - GLI INTERNI PRIMA E DOPO - LA RIMOZIONE DEL RELITTO IN TIMELAPSE).

Il naufragio della Costa Concordia

approfondimento

Costa Concordia, l'ex comandante Schettino dal naufragio a oggi

Salpata dal porto di Civitavecchia, la Costa Concordia stava viaggiando verso Savona lungo il percorso programmato della crociera "Profumo d'agrumi", quando alle 21:45 di quella sera ha urtato un gruppo di scogli nei pressi dell'Isola del Giglio, inclinandosi su un lato. Il comandante della nave, Francesco Schettino, è stato condannato in via definitiva a 16 anni di reclusione per omicidio colposo plurimo, naufragio colposo e abbandono della nave. Sulla Concordia c'erano 4.229 passeggeri. La ricostruzione degli ultimi attimi di vita delle 32 vittime è quasi la stessa per tutte: prima il tentativo di salire sulle lance di salvataggio sul lato sinistro, poi la fuga - rivelatasi fatale - verso il lato destro, dato che non avevano trovato posti disponibili sulle scialuppe.

La lapide a ricordo delle vittime della Costa Concordia, posta sul Molo Rosso del porto dell'Isola del Giglio
La lapide a ricordo delle vittime della Costa Concordia, posta sul Molo Rosso del porto dell'Isola del Giglio - ©Ansa

La storia della piccola Dayana e di suo padre Williams

leggi anche

Concordia, passeggero risarcito con oltre 90mila euro per lo stress

Tra le vittime, la più piccola si chiamava Dayana Arlotti, aveva 5 anni ed era in vacanza con suo papà Williams. Come emerso da alcuni passaggi della richiesta di rinvio a giudizio per gli indagati, la bambina non aveva trovato posto sulle scialuppe del ponte 4, lato sinistro, ed era stata indirizzata dai membri dell'equipaggio sul lato destro dello stesso ponte. Mentre stava percorrendo il corridoio all'interno della nave, cadde insieme al papà nella voragine apertasi con il definitivo ribaltamento sul fianco destro dell'imbarcazione, precipitando in una zona allagata del ponte 4.

Il musicista, i coniugi, le amiche, il cameriere: le altre vittime

approfondimento

Costa Concordia, l'interno della nave prima e dopo il naufragio. FOTO

Il 13 gennaio 2012 perse la vita anche il musicista Giuseppe Girolamo, batterista 30enne di Alberobello (Bari), che cedette il suo posto su una scialuppa di salvataggio e poi morì per asfissia da annegamento. Maria D'Introno, anche lei 30 anni, fu inviata dall'altro lato del ponte 4 perché la scialuppa che aveva scelto non riusciva a essere calata in mare. Si lanciò in acqua, ma non sapeva nuotare. Morirono annegati anche i coniugi americani Barbara Ann e Gerald Frank Heil, nel ribaltamento sul fianco destro della nave. Fra i morti anche la tedesca Elisabeth Bauer, 79 anni, salita a bordo con l'amica Margarethe Neth: entrambe sono decedute per asfissia da annegamento. Diversi corpi sono stati recuperati molto tempo dopo l'incidente. È il caso di Maria Grazia Trecarichi, 60 anni, i cui funerali si sono potuti tenere solo il 15 novembre 2013. E dopo 2 anni e 10 mesi dal naufragio è stato ritrovato l'ultimo cadavere, quello di Russel Rebello: 32 anni, di origini indiane, lavorava sulla nave come cameriere. I suoi resti erano in una cabina del ponte 8.

I nomi delle vittime e la giornata per ricordarle

approfondimento

Dieci anni dal naufragio della Costa Concordia, il racconto in 25 foto

Di seguito i nomi delle 32 vittime: 

  • Dayana Arlotti
  • Williams Arlotti
  • Elisabeth Bauer
  • Michael Blemand
  • Tomás Alberto Costilla Mendoza
  • Maria D'Introno 
  • Sándor Fehér
  • Horst Galle
  • Christina Mathilde Ganz
  • Norbert Josef Ganz
  • Giuseppe Girolamo
  • Jeanne Yvonne Gregoire
  • Pierre André Émile Gregoire
  • Gabriele Maria Grube
  • Guillermo Gual Buades 
  • Barbara Ann Heil
  • Gerald Frank Heil
  • Egon Martin Hoer
  • Mylene Lisiane Marie Théreèse Litzler
  • Giovanni Masia
  • Jean Pierre Micheaud
  • Margarethe Neth
  • Russel Terence Rebello
  • Inge Schall
  • Johanna Margrit Schroeter
  • Francis Servel
  • Erika Fani Soria Molina
  • Siglinde Stumpf
  • Maria Grazia Trecarichi
  • Luisa Antonia Virzì
  • Brunhild Werp
  • Josef Werp

Dal 2015, sull'Isola del Giglio è stata istituita ufficialmente la "Giornata delle vittime della Costa Concordia" per ricordare chi ha perso la vita nel naufragio. Cade il 13 gennaio di ogni anno.

Cronaca: i più letti