Fidanzati uccisi a Lecce, il pm chiede l'ergastolo per l'omicida Antonio de Marco

Cronaca

Il giovane è accusato di aver ucciso Eleonora Manta e Daniele De Santis mentre si trovavano nel loro appartamento. Per lui il pm ha chiesto anche l’isolamento diurno per un anno. La sentenza è attesa per giugno

ascolta articolo

L’assassino dei fidanzati di Lecce, Eleonora Manta e Daniele De Santis, deve essere condannato all’ergastolo. È la richiesta del pubblico ministero nei confronti di Antonio De Marco, infermiere di 21 anni, che nel 2020 uccise la coppia, 30 e 33 anni, mentre si trovavano nel loro appartamento di via Montello, a Lecce. Per lui il pm ha chiesto anche l’isolamento diurno per un anno.

Sentenza attesa a giugno

vedi anche

Fidanzati uccisi a Lecce, gli scritti di De Marco: "Nessuno mi ama"

Il ragazzo aggredì sul pianerottolo e poi nell'appartamento i due, colpendoli a morte con 79 coltellate. Il pubblico ministero Maria Consolata Moschettini ha invocato il massimo della pena con l'aggravante dell'isolamento. Dopo le arringhe degli avvocati difensori del ragazzo ed eventuali repliche, è attesa la sentenza per il 7 giugno prossimo. 

De Marco in carcere a Lecce

vedi anche

Fidanzati uccisi, il killer al gip: arrabbiato dopo delusione d'amore

Alla requisitoria hanno assistito i genitori di Eleonora Manta, il padre e una sorella di Daniele e altri parenti. Il pm ha ribadito la capacità di intendere e di volere del presunto assassino al momento del fatto. Ma sembra certo, a giudicare dai lavori del processo, che i legali punteranno sull'infermità mentale del loro assistito. De Marco è recluso nel carcere del capoluogo salentino.

Cronaca: i più letti