Ex Ilva, il volto del 15enne morto di tumore dipinto su un palazzo a Taranto

Cronaca

Sulla facciata di un edificio in borgata Tramontone compare il viso di Giorgio di Ponzio, scomparso nel gennaio del 2019 per un sarcoma ai tessuti molli, malattia che i genitori – fondatori dell'associazione Giorgioforever - mettono in relazione alle emissioni dell'impresa siderurgica

Taranto, borgata Tramontone. Sulla facciata di un palazzo compare il viso di Giorgio di Ponzio, il 15enne morto nel gennaio del 2019 per un sarcoma ai tessuti molli, malattia che i genitori – fondatori dell'associazione Giorgioforever - mettono in relazione alle emissioni dell'ex Ilva. A realizzare il murale lo street-artist napoletano Jorit (all’anagrafe Ciro Cerullo, classe ‘90), noto per le cicatrici che "vestono" i suoi volti.

Le parole nascoste

approfondimento

Dall'Italsider alle condanne dei fratelli Riva: storia dell'ex Ilva

"Da Bagnoli a Firenze a Taranto. INSORGIAMO. Basta ricatti. Vogliamo salute e lavoro. La nostra vita vale di più dei vostri profitti". Questa la scritta a caratteri cubitali nascosta sotto la faccia del bambino. Solitamente infatti Jorit, prima di iniziare il suo lavoro, usa come base una griglia con messaggi di forte impatto sociale. Salute e ambiente a braccetto con frasi inequivocabili dal grande impatto sociale oltre al richiamo a due articoli della costituzione. L’art.32, ossia il diritto alla salute proprio contro quelle le nubi tossiche che si sprigionano dalle aziende siderurgiche e l’art. 4 dedicato al diritto al lavoro e alle condizioni per rendere effettivo questo diritto. 

La reazione della famiglia di Giorgio

approfondimento

Paesi dipinti d’Italia, viaggio tra 20 dei borghi più colorati. FOTO

“Eravamo increduli, poi ci siamo resi conto che era tutto vero” ha confessato Angelo Di Ponzio, il papà di Giorgio, a Cronache Tarantine. “Mia moglie ha partecipato ad un incontro con gli artisti ed aveva capito che c’era l’intenzione di ricordare nostro figlio, perché Jorit le aveva chiesto delle foto di Giorgio. È nato qualcosa di straordinario e siamo fieri che l’immagine di Giorgio diventi uno dei simboli artistici della città di Taranto. Da vittima dell’inquinamento a simbolo della speranza, grazie a Jorit e all’amministrazione comunale di Taranto che ha promosso questa iniziativa dedicata alla street art”. Jorit, infatti, è uno dei sedici street artist che stanno animando la 2^ edizione del Festival Taranto Regeneration Urban and Street.

Cronaca: i più letti

Arriva sempre primo

Ricevi le notizie più importanti di politica, mondo, cronaca, spettacolo, le analisi e gli aggiornamenti. Per accettare le notifiche devi dare il consenso.

Hai attivato le notifiche di sky tg24