Francia, l'ex Br Maurizio Di Marzio è stato scarcerato "sotto controllo giudiziario"

Cronaca

Era stato arrestato ieri mattina (19 luglio) a Parigi, e l'Italia ne ha chiesto l'estradizione. L'uomo è stato rimesso in libertà, ma non può uscire dal territorio francese, ha l'obbligo di firma in commissariato e gli è stato ritirato il passaporto

Maurizio Di Marzio è stato scarcerato a Parigi. L'ex terrorista delle Brigate Rosse, sfuggito all'operazione "Ombre Rosse" di fine aprile, era stato arrestato ieri mattina (19 luglio) nella capitale francese. L'Italia ne ha chiesto l'estradizione (CHI SONO GLI EX BR ARRESTATI). Oggi, secondo fonti vicine al dossier, è stato rimesso in libertà dalla giustizia francese, ma resta "sotto controllo giudiziario", che implica il divieto di uscire dal territorio della Francia, con ritiro del passaporto e obbligo di firma in commissariato a Parigi.

Chi è Maurizio Di Marzio

approfondimento

L'arresto a Parigi il 19 luglio

Il nome di Di Marzio, 59 anni, è legato all'attentato del 1981 al dirigente dell'ufficio provinciale del collocamento di Roma Enzo Retrosi e al tentato sequestro del vicecapo della Digos della capitale Nicola Simone il giorno della Befana del 1982. L’uomo deve scontare un residuo di pena di 5 anni e 9 mesi di reclusione per banda armata, associazione sovversiva, sequestro di persona e rapina. Di Marzio era già stato arrestato in Francia nel 1994, sempre su richiesta dell’Italia. Nonostante fosse stato espresso parere favorevole all’estradizione, non fu mai firmato alcun decreto, in virtù della Dottrina Mitterrand. L’uomo ha aperto a Parigi il ristorante italiano Baraonda, dove lavorava anche Alimonti, uno degli ex terroristi fermato lo scorso aprile.

Cronaca: i più letti

Arriva sempre primo

Ricevi le notizie più importanti di politica, mondo, cronaca, spettacolo, le analisi e gli aggiornamenti. Per accettare le notifiche devi dare il consenso.

Hai attivato le notifiche di sky tg24