Coronavirus, il Viminale ai prefetti: possibile disporre anche strade a numero chiuso

Cronaca
©Ansa

Per contenere l'aumento dei contagi il ministero dell'Interno ha inviato una circolare alle Prefetture con indicazioni sul parziale contingentamento di vie e piazze. Spetta ai Comuni informare i cittadini sulle aree a ingresso limitato. Bar e ristoranti devono rispettare orari di chiusura e limitazioni ma è consentito piccolo margine di sforamento

Chiusura di piazze e vie in determinati giorni della settimana, caratterizzati da un più intenso afflusso di persone e strade a numero chiuso. Con una circolare il Viminale ha informato i Prefetti sulle nuove misure per prevenire i contagi da Coronavirus (LO SPECIALE - TUTTI GLI AGGIORNAMENTI LIVE). Ai Comuni spetta il compito di informare i cittadini sulle aree a ingresso limitato. Bar e ristoranti devono rispettare l'orario di chiusura dalla mezzanotte alle 5 ma "resta naturalmente fermo quanto si è già avuto modo di precisare in ordine al consentito margine di 'sforamento' dei suddetti limiti di orario". Nessuna sanzione quindi a chi allunga di qualche minuto la chiusura del locale.

 

Strade a numero chiuso

leggi anche

Covid-19, Gimbe: “Virus avanza ma misure deboli, si va verso lockdown”

"In ragione dell'esigenza di contenere gli effetti della misura proporzionalmente a quanto ritenuto necessario a conseguire gli obiettivi del Dpcm - si legge nella circolare - il provvedimento potrà anche disporre una chiusura parziale delle strade o delle piazze, restringendo, cioè, l'accesso senza interdirlo totalmente, con il contingentamento degli ingressi". Le associazioni di categoria e i cittadini dovranno essere informati con "adeguati mezzi comunicativi" della chiusura di piazze e vie. La misura va "tempestivamente anticipata" visto che dovrà essere "consentito comunque il libero accesso a esercizi commerciali e ad abitazioni private e il conseguente deflusso". Le chiusure dovranno inoltre essere attuate con ordinanze del sindaco, ma occorrerà valutare con "le competenti strutture di prevenzione sanitari" gli spazi urbani a maggior rischio assembramento. E l'attuazione di questo intervento "richiederà poi la più ampia collaborazione tra sindaco e prefetto".

Potranno essere utilizzati anche i militari di Strade Sicure

leggi anche

Dpcm 18 ottobre 2020, le FAQ: tutte le domande e le risposte sul testo

La definizione della forza pubblica, da impiegare nell'espletamento dei servizi di chiusura delle piazze e delle strade decisa dall'ultimo Dpm, dovrà invece essere "oggetto di apposita riunione tecnica di coordinamento che i Questori organizzeranno con le Forze dell'ordine e gli altri attori della sicurezza territoriale, anche ai fini dell'individuazione delle aliquote di polizia locale che integreranno il dispositivo". L'attuazione di queste misure potrà "beneficiare del concorso di unità militari, laddove presenti nell'ambito dell'operazione Strade Sicure, anche all'esito di una rimodulazione del piano d'impiego delle forze già in disponibilità".

Gli orari e le limitazioni per gli esercizi pubblici

leggi anche

Nuovo Dpcm 18 ottobre 2020, il PDF con il testo integrale del decreto

L'attività degli esercizi pubblici è consentita dalle ore 5 alle ore 24 con consumazione al tavolo, e dalle ore 5 alle ore 18 in assenza di "consumo al tavolo". La previsione tende a evitare i "comportamenti elusivi", ossia la chiusura a mezzanotte e apertura poco più tardi. Il Viminale sottolinea "l'importante novità rappresentata dal numero massimo di 6 commensali per tavolo". La disposizione introduce anche l'obbligo per gli esercenti di esporre all'ingresso del locale un cartello che riporti il numero massimo di persone ammesse contemporaneamente all'interno del locale stesso "sulla base delle linee guida e dei protocolli vigenti nel settore". Altra novità riguarda la ristorazione con asporto. "Mentre tale attività era, infatti, prima consentita senza limiti orari - si legge nella circolare - essa invece, per effetto della novella, è esercitabile fino alle 24, con divieto di consumazione sul posto o nelle adiacenze". Introdotti nella disposizione relativa agli esercizi di somministrazione di alimenti e bevande che "restano comunque aperti" anche "quelli situati nelle aree di servizio e rifornimento carburante collocate lungo la rete autostradale".

Cronaca: i più letti

Arriva sempre primo

Ricevi le notizie più importanti di politica, mondo, cronaca, spettacolo, le analisi e gli aggiornamenti. Per accettare le notifiche devi dare il consenso.

Hai attivato le notifiche di sky tg24