Test medicina 2020, dai documenti alle regole anti-Covid: tutto quello che c'è da sapere

Cronaca
©Ansa

Al via dalle 12 la prova di ammissione: gli iscritti sono 66.638 per 13.072 posti. I candidati devono presentarsi con la mascherina, un documento e le ricevute di iscrizione e pagamento della quota nell’ateneo più vicino alla loro residenza. La prova è composta da 60 quesiti a risposta multipla a cui rispondere in massimo 100 minuti. Il ministro Manfredi sul nodo di chi non può presentarsi perché si trova in isolamento fiduciario: “È un tema molto delicato, è all'attenzione del governo”

Sono 66.638 gli iscritti al test per la facoltà di Medicina che oggi, dalle 12, affrontano la prova per aggiudicarsi uno dei 13.072 posti a disposizione (LE FOTO): ne passerà uno su cinque. Un esame, quello del 2020, segnato inevitabilmente dalla pandemia di Covid-19 e dalle norme di sicurezza da rispettare (GLI AGGIORNAMENTI IN DIRETTA - LO SPECIALE). E rimane il nodo di chi non può partecipare perché si trova in isolamento fiduciario.

Cosa serve

vedi anche

Test medicina 2020, prova di ingresso per oltre 66 mila studenti. FOTO

I candidati sono circa 2mila in meno rispetto all'anno scorso. Chi sostiene il test deve arrivare con mascherina, documento di identità e le ricevute dell’iscrizione e di pagamento del contributo dovuto all’ateneo. Senza questi documenti o se ci si dovesse presentare in ritardo, non si verrà ammessi alla prova.

L’esame nell’università più vicina

Una delle novità di quest’anno è che, per evitare troppi spostamenti tra regioni, i candidati non sostengono il test nell’università indicata come prima preferenza ma in quella più vicina al loro indirizzo di residenza.

La prova di ammissione

leggi anche

Al via test di Medicina a Torino, protesta contro numero chiuso

Il test è composto da 60 quesiti a risposta multipla a cui bisogna rispondere in massimo 100 minuti: 18 sono di biologia, 12 di cultura generale, 12 di chimica, 10 di ragionamento logico e 8 di fisica e matematica. Al candidato vengono attribuiti 1,5 punti per ogni risposta esatta, meno 0,4 punti per ogni risposta sbagliata e 0 punti per ogni risposta non data. La graduatoria nazionale verrà pubblicata il 29 settembre.

Il governo valuta le opzioni per chi è in isolamento

approfondimento

Università, riapertura al 50% a settembre: le nuove linee guida

"C'è un protocollo molto severo e organizzato che prevede un accesso differenziato, la distanza in aula dove si realizzano i test, mascherine, sanificazione, controllo degli spazi che viene effettuato dall'università stessa con il supporto della protezione civile nazionale e di tutte le altre istituzioni locali, quindi c'è un'organizzazione molto dettagliata che consentirà di svolgere i test in perfetta sicurezza garantendo gli studenti", ha assicurato il ministro dell'Università e della Ricerca, Gaetano Manfredi, alla vigilia dei test. Poi, interrogato sulla questione di chi non può sostenere l’esame perché si trova in isolamento fiduciario, il ministro ha spiegato: "Questo è un tema molto delicato dal punto di vista giuridico. È all'attenzione del governo, stiamo valutando tutte le opzioni. Facciamo i test per la maggioranza dei ragazzi, poi valuteremo queste situazioni particolari".

Cronaca: i più letti