Maltempo al Nord, danni in diverse Regioni e un disperso nel Varesotto. Continua l'allerta

Cronaca
©Ansa

Grandinate, pioggia, vento, frane e allagamenti stanno interessando il Settentrione. Un uomo di 38 anni è stato travolto da un torrente ingrossato nel comune di Maccagno. Diverse segnalazioni per alberi e tetti sradicati, strade chiuse per smottamenti, trombe d’aria. Per domenica 30 agosto allerta rossa in alcune zone della Lombardia, arancione in Alto Adige, Veneto, Piemonte e Liguria

Grandinate, pioggia, forte vento, frane, allagamenti. Un'ondata di maltempo sta interessando il Nord Italia, causando diversi danni. Nel Varesotto c'è anche un disperso: un uomo di 38 anni travolto da un torrente ingrossato. E nelle prossime ore la situazione rimarrà ancora critica (LE PREVISIONI). La Protezione civile ha emesso per domani - domenica 30 agosto - un'allerta rossa per alcune zone della Lombardia; arancione per Alto Adige, Veneto, Piemonte e Liguria; gialla per Valle D'Aosta, Trentino, Friuli Venezia Giulia, Emilia-Romagna e Toscana.

Un disperso nel Varesotto

Una delle situazioni più gravi si è registrata nel Varesotto. Nel pomeriggio un uomo di 38 anni, originario del Comasco, si trovava con un amico vicino al lago Delio, nel comune di Maccagno con Pino e Veddasca, quando è stato travolto dal torrente ingrossato. L’amico ha dato subito l’allarme e sono iniziate le ricerche, che però sono state interrotte quando le condizioni meteo sono peggiorate: riprenderanno domani, 30 agosto, se il meteo lo permetterà. I due amici, mentre stavano cercando funghi, hanno pensato di riuscire ad attraversare il torrente con facilità ma sono stati sorpresi dal muro d’acqua e il 38enne è stato trascinato via. 

I danni del maltempo a Maccagno (Varese)
I danni del maltempo a Maccagno (Varese) - ©Ansa

Danni e disagi in diverse regioni

Ma il maltempo sta interessando diverse zone, provocando ovunque danni e disagi. A Genova un diciassettenne è stato ferito dall'ondina di un tetto di un supermercato staccatasi a causa di una tromba d'aria. Sulle sponde del lago d'Orta alcune persone sono rimaste bloccate in una chiesa allagata. A Milano i pazienti di una casa di riposo sono stati trasferiti dopo che, a causa del vento e della pioggia, si è scoperchiato il tetto dell’edificio. I passeggeri di un treno bloccato sulla linea del Brennero sono stati evacuati in Trentino.

Traffico, frane e strade interrotte

Nel sabato di controesodo, il maltempo ha contribuito a creare traffico intenso su diverse autostrade. Altre strade, invece, sono state chiuse a causa di smottamenti. È il caso della statale Regina, quella che costeggia il lago di Como, chiusa in mattinata fra Domaso e Gravedona (zona in cui per il cedimento di un muro è stata chiusa anche una strada provinciale). Qui una ventina di abitanti e turisti è stata costretta a lasciare la propria casa. Nell'Alessandrino, una frana è arrivata sull'A7, l'autostrada che collega Milano a Genova.

Il nubifragio nel Veronese

Nel Veronese - già colpito domenica scorsa dal maltempo - nella notte tra venerdì e sabato si è verificato un nubifragio che ha creato allagamenti e sradicato piante, mentre nel pomeriggio è stata la volta di una tromba d'aria e di una fortissima grandinata, con chicchi che nella provincia confinante di Cremona e Mantova avevano la grandezza di uova. Danni ingenti ma ancora da quantificare a diversi edifici e soprattutto alle coltivazioni, non ultima quella dell'uva dato che la zona del Veronese colpita è quella dove si produce il Soave.

I danni causati dalla tromba d'aria a Montecchia di Crosara (Verona)
I danni causati dalla tromba d'aria a Montecchia di Crosara (Verona) - ©Ansa

Tromba d’aria nel Vicentino, esondazioni nell'Alessandrino

vedi anche

Maltempo, nubifragio su Milano: alberi caduti e un tetto scoperchiato

Gravi danni per una tromba d'aria anche nel Vicentino, dove domenica è atteso il presidente del Veneto Luca Zaia "per fare una prima sommaria conta". Particolarmente colpiti i comuni di Arzignano e Trissino, sferzati da forti raffiche di vento che hanno provocato la caduta di alberi, cartelloni stradali, antenne, e lo scoperchiamento di decine di abitazioni e aziende. Anche la provincia di Belluno, Cortina d'Ampezzo inclusa, è stata investita da grandinate e forte vento, con danni e smottamenti. Due frane sono state registrate tra Pontebba e Studena Alta e ad Ovaro, in Carnia, a causa delle piogge che si stanno abbattendo in queste ore sul Friuli-Venezia Giulia. Tanti gli alberi caduti. Nell'Alessandrino a più riprese si sono verificate esondazioni di torrenti e frane, con precipitazioni fino a 224 millimetri di pioggia in poche ore: una quantità considerata enorme se cade in tre giorni. Ad Asti le forti piogge hanno fatto cedere i portoni del polo di trattamento rifiuti Gaia, dove l'acqua è arrivata agli impianti elettrici causando il blocco delle linee di lavorazione. A Casale Monferrato un albero è crollato sul tetto di un circolo Arci, senza provocare feriti. In provincia di Genova, a Moneglia, il vento ha scoperchiato il tetto dell'hotel La Romantica e il torrente Verde ha rotto gli argini. Grandine, pioggia e smottamenti si sono verificati anche in Valtellina. A Milano sono crollati alberi e le infiltrazioni di acqua hanno causato il blocco delle scale mobili in alcune stazioni della metropolitana.

L’allerta della Protezione civile

leggi anche

Meteo, le previsioni di domenica 30 agosto

La situazione meteo non è destinata a migliorare nelle prossime ore. Il Dipartimento della Protezione Civile, d'intesa con le Regioni coinvolte, ha infatti emesso un avviso di condizioni meteorologiche avverse anche per domenica 30 agosto. In particolare, è stata valutata allerta rossa per rischio idrogeologico sul settore settentrionale della Lombardia. Allerta arancione, invece, sul restante territorio della Lombardia, sulla Provincia Autonoma di Trento, sulla Provincia Autonoma di Bolzano, sul Veneto settentrionale, su gran parte del Friuli Venezia Giulia, sul settore di levante e su quello centrale della Liguria, sull'area settentrionale della Toscana. Valutata allerta gialla, infine, sul Piemonte orientale, su settori della Lombardia, sulla Provincia Autonoma di Bolzano, sul ponente ligure, sull'Emilia Romagna, sul Veneto meridionale, sui bacini di Levante e Carso del Friuli Venezia Giulia, su Marche, Umbria e Lazio e resto della Toscana.

Cronaca: i più letti