Coronavirus, la polizia: “Falsi volantini invitano i non residenti a lasciare le case”

Cronaca

La polizia di Stato ha invitato i cittadini a “fare attenzione” riguardo ai falsi messaggi ritrovati affissi in città e androni di palazzi e scritti su carta intestata del ministero dell’Interno. “Mossa di malintenzionati per entrare nelle abitazioni”

La polizia di Stato ha segnalato, anche sul suo sito e sui canali social, un falso volantino che in alcune città di diverse province è stato trovato affisso negli androni dei palazzi e sui muri dei quartieri. I fogli, scritti su carta intestata del ministero dell’Interno e del Dipartimento della Pubblica sicurezza, con il logo della Repubblica Italiana, invitano gli eventuali non residenti degli stabili a lasciare le proprie case per rientrare nei rispettivi domicili di residenza. Le autorità: “Potrebbe essere l’astuta mossa di qualche malintenzionato per entrare nelle case in questo periodo di emergenza” dovuto al coronavirus. (GLI AGGIORNAMENTI - LO SPECIALE - LE TAPPE DELL'EPIDEMIA - LE FOTO SIMBOLO)

Cosa è scritto nel volantino

I volantini spiegano che è necessario che i non residenti dei condomini lascino le abitazioni perché sarebbero in corso controlli da parte delle autorità. Nel messaggio si raccomanda anche di presentare, su richiesta, la documentazione di affitto della casa e i propri documenti di identità con foto.

La polizia: “Segnalateceli”

La polizia ha invitato tutti i cittadini a “fare attenzione” e a non credere a quanto scritto. Di qui l’appello: “Chiunque si imbatta in simili volantini - spiegano le forze dell'ordine - è pregato di segnalarne la presenza alle forze di polizia e di non seguire le indicazioni in essi contenute”.

Cronaca: i più letti

Arriva sempre primo

Ricevi le notizie più importanti di politica, mondo, cronaca, spettacolo, le analisi e gli aggiornamenti. Per accettare le notifiche devi dare il consenso.

Hai attivato le notifiche di sky tg24

Fai login per ottenere il meglio subito.

Accedi con il tuo Sky ID o registrati in pochi istanti.