Incidente di Bologna, l'ipotesi di un colpo di sonno. Conte dai feriti

6' di lettura

Il premier negli ospedali di Cesena e Bologna incontra le persone coinvolte nell’incidente di ieri: “Tutti in via di guarigione, ringrazio soccorritori”. Testimoni: "Inferno di fuoco". Riaperto il tratto autostradale colpito, 3-5 mesi per ricostruzione ponte

E' di un morto e 145 feriti, tra cui quattro gravi ma non in pericolo di vita, il bilancio dell'esplosione che ha scatenato l'inferno sul raccordo di Bologna, all'altezza di Borgo Panigale (LE FOTO). Intanto, meno di 24 ore dopo l'incidente, è stato riaperto al traffico il tratto di raccordo A1-A14 interessato dalla deflafrazione. I pm ipotizzano che sia stato un colpo di sonno dell'autista dell'autocisterna esplosa a causare il disatro. L'uomo, l'unica vittima, aveva 42 anni.

Conte dai feriti

Solo una ventina i feriti ancora ricoverati, tra cui i più gravi sono i pazienti ricoverati nei centri grandi ustionati a Parma e Cesena. Proprio all'ospedale Bufalini di Cesena ha fatto tappa il presidente del Consiglio, Giuseppe Conte (LE FOTO), che ha visitato il poliziotto-eroe 31enne Riccardo Muci, tra i primi a intervenire sotto il ponte dell'autostrada e a salvare le vite degli automobilisti facendoli allontanare. "Non siamo Rambo, il primo pensiero era salvare vite", ha raccontato l'agente salentino che ha riportato ustioni di secondo grado. Il premier poi ha proseguito per Bologna dove ha fatto visita a due dei feriti più gravi. "Rispetto alla dinamica che si è prospettata e realizzata, quelle che potevano essere le conseguenze, possiamo ritenerci fortunati", ha detto Conte, "è stato un terribile incidente, ma i feriti sono tutti in via di guarigione. Voglio ringraziare la macchina dei soccorsi che è stata fantastica. La mia presenza è un modo per essere vicino alle persone e ai familiari che hanno subito conseguenze". Per Conte "quel che bisogna fare sempre è vigilare sugli standard di sicurezza: vale per il trasporto su strada, ferroviario, a tutti i i livelli", eventualmente estendendo alcune regole previste per i trasporti eccezionali anche alle materie infiammabili.

Disastro colposo

La procura di Bologna ha aperto un'inchiesta per disastro colposo a carico di ignoti per accertare la dinamica dell'incidente, di cui si vanno delineando meglio i contorni (IL CROLLO DEL PONTE: VIDEO). Si ipotizza che possa essere stato un colpo di sonno a tradire l'autista dell'autocisterna carica di Gpl che è stato il responsabile e l'unica vittima del gravissimo incidente. Nonostante la segnalazione della coda, Anzolin non sembra aver frenato e ha tamponato un Tir fermo che trasportava fusti di solvente, a sua volta piombato sopra una bisarca innescando il terribile effetto domino. 

L'esplosione ha fatto crollare buona parte del ponte dell'A14, dividendo in due l'Italia e scavando in tangenziale un enorme cratere. Per la ricostruzione del cavalcavia si stimati che ci vorranno cinque mesi, ma il governo punta a ridurre i tempi con l'acquisto di travi già pronte.

Il cordoglio della politica

Per evitare altri incidenti come quello di Bologna bisogna "alleggerire il traffico merci su gomma" e "dotare i tir di tecnologie" per ridurre al minimo il rischio di errore umano, ha osservato il ministro dei Trasporti, Danilo Toninelli, in Senato, annunciando di voler "incentivare l'installazione sui mezzi che trasportano merci pericolose di presidi di guida assistita" come dispositivi anticollisione, frenata automatica, controllo predittivo della velocità, in modo da evitare che rischino "ogni momento di trasformarsi in ordigni ambulanti". Il presidente della Cei, il cardinale Gualtiero Bassetti, si è chiesto se sia "prudente" che "certe autocisterne che sono delle autentiche bombe come si è dimostrato, possano camminare tranquillamente in mezzo a tutto questo traffico". Il Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, in una telefonata al sindaco di Bologna, Virginio Merola, ha manifestato solidarieta' e vicinanza alla città e ha espresso cordoglio per la vittima e auguri di pronta guarigione per i feriti. 

Il carabiniere ferito: “Poteva essere una strage”

Sky TG24 ha raccolto alcune testimonianze dei feriti (VIDEO). “Ho avuto paura di morire, ho sentito il fuoco addosso ed è una brutta sensazione”, ha detto il maresciallo Arturo Guidoni, impiegato nella compagnia di Borgo Panigale, rimasto ferito mentre prestava soccorso. “Eravamo in ufficio quando abbiamo sentito un’esplosione, siamo usciti e abbiamo visto questa colonna di fumo sull’autostrada. Siamo andati vicino per capire cosa stava accadendo e ci siamo resi conto che c’era anche una grande colonna di fuoco. La nostra prima preoccupazione è stata liberare la strada per evitare che le persone rimanessero ferite in un'eventuale esplosione”. Dopo aver allontanato le persone presenti, il grosso boato. “In quel momento il cielo è diventato tutto rosso, siamo stati investiti da un’ondata di calore e abbiamo cominciato a correre. Abbiamo soccorso i civili che invocavano aiuto”, ha raccontato il maresciallo. Che ha aggiunto: “Poteva andare peggio, poteva essere una strage”.

Sky TG24 60 secondi, cosa nasconde il disastro di Bologna

Leggi tutto
Prossimo articolo

Aggiungi Sky TG24 al tuo Homescreen

Clicca l'icona e seleziona

"Aggiungi a Schermata Home"

Aggiungi Sky TG24 al tuo Homescreen

Clicca l'icona e seleziona

"Aggiungi a Home"