Giornalista aggredito a Ostia, chiesto rinvio a giudizio per Spada

Cronaca
Un frame del video dell'aggressione (a sinistra) e il giornalista Daniele Piervincenzi
composit_aggressione_ostia_spada

L’accusa per l’esponente dell’omonimo clan e il suo presunto complice, in relazione all’aggressione avvenuta il 7 novembre, è di lesioni e violenza privata aggravate dal "metodo mafioso". Il 23 gennaio l’udienza davanti al gup

I pm di Roma hanno chiesto il rinvio a giudizio per Roberto Spada e per il suo presunto complice, Ruben Nelson Alvez del Puerto, con l’accusa di lesioni e violenza privata aggravate dal "metodo mafioso" in relazione all’aggressione di un giornalista e di un operatore della Rai avvenuta il 7 novembre scorso ad Ostia, quartiere del litorale romano. L'udienza davanti dal gup Maria Paola Tomaselli è fissata per il prossimo 23 gennaio.

L'aggressione

I giornalisti della trasmissione Nemo-nessuno escluso, Daniele Piervincenzi ed Edoardo Anselmi, erano stati aggrediti dopo che avevano rivolto a Spada alcune domande sui suoi legami con Casapound. L’uomo aveva colpito con una testata Piervincenzi, causandogli la rottura del setto nasale, e l’aveva rincorso picchiandolo con un bastone. Poi, insieme a un'altra persona, si era diretto verso l’operatore sferrando calci e pugni. Per i pm della Dda, Giovanni Musarò e Ilaria Calò, si tratta di una "condotta idonea ad esercitare sui soggetti passivi quella particolare coartazione e quella conseguente intimidazione propria delle organizzazioni mafiose".

Gli arresti

Due giorni dopo l’aggressione, Roberto Spada era stato fermato con le accuse di lesioni personali e violenza privata, aggravate dal metodo mafioso, e il 16 novembre trasferito dal carcere di Regina Coeli di Roma a quello di massima sicurezza di Tolmezzo, in provincia di Udine. Il suo avvocato difensore aveva presentato un’istanza di scarcerazione, che era stata respinta il 24 novembre dal tribunale del riesame di Roma. Infine, sei giorni dopo, le forze dell’ordine hanno arrestato Ruben Nelson Alvez del Puerto, 38enne di origine uruguaiana con precedenti per droga e, secondo gli inquirenti, da anni vicino al clan degli Spada.

Cronaca: i più letti

Arriva sempre primo

Ricevi le notizie più importanti di politica, mondo, cronaca, spettacolo, le analisi e gli aggiornamenti. Per accettare le notifiche devi dare il consenso.

Hai attivato le notifiche di sky tg24

Fai login per ottenere il meglio subito

Accedi con il tuo Sky ID o registrati in pochi istanti.