Comunali: Calabria, sindaci in 6 Comuni sciolti per mafia

Calabria
fe24e930572bdf1c4ea3830a98811b81

Solo a Siderno si dovrà attendere il turno di ballottaggio

(ANSA) - CATANZARO, 05 OTT - Sono sei i comuni calabresi, quattro in provincia di Reggio Calabria e due in provincia di Crotone, sciolti per infiltrazioni mafiose che, da oggi, avranno un sindaco eletto. A Siderno, che è il settimo della lista ma l'unico con popolazione superiore ai 15 mila abitanti, si dovrà attendere il turno di ballottaggio tra Maria Teresa Fragomeni, candidata del centrosinistra, e Domenico Barranca del centrodestra, in programma domenica 17 e lunedì 18 ottobre. Nel Reggino, a Delianuova, dove era presente una sola lista, è stato superato il quorum del 40% consentendo l'elezione dell'unico candidato sindaco Domenico Licastri. Anche Careri ha nuovo primo cittadino: Giuseppe Pipicella, di Rinasciamo che ha avuto la meglio sull'altro candidato Pietro Sergi. Così come Stilo che, dopo circa 24 mesi, ha scelto Giorgio Antonio Tropeano (Nuovo capitolo per Stilo) che ha prevalso sullo sfidante Antonio Marrapodi (Avanti insieme). Umberto Felice Nocera è sindaco a Palizzi (Palizzi E') avendo avuto la meglio su Anna Maria Tringali. Nel Crotonese sindaco eletto è Francesco Seminario (Ripartiamo) che ha superato di 20 punti percentuali Domenico Capria (Il bene comune). Infine, a Crucoli dove era in campo una sola lista, Cataldo Librandi ha festeggiato in anticipo grazie al superamento del quorum. (ANSA).
   

I più letti

Arriva sempre primo

Ricevi le notizie più importanti di politica, mondo, cronaca, spettacolo, le analisi e gli aggiornamenti. Per accettare le notifiche devi dare il consenso.

Hai attivato le notifiche di sky tg24